Quantcast
Aulla fa rete per accogliere i pellegrini - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Tra cultura e sapori tipici

Aulla fa rete per accogliere i pellegrini

Foto di gruppo dopo la cena alla Quercia

Tappa ad Aulla ieri per Via Francigena. Road to Rome 2021. Start Again!, il cammino da Canterbury a Roma organizzato dall’Associazione Europea delle Vie Francigene – AEVF in occasione del 20° anniversario della sua fondazione e del 27° anniversario del riconoscimento della Via Francigena quale Itinerario Culturale del Consiglio d’Europa. Il comune lunigianese ha voluto festeggiare mettendo a sistema una eccezionale rete di accoglienza che ha visto la fattiva collaborazione dell’Associazione Amici di San Caprasio e delle Pro Loco Città di Aulla, Caprigliola, Viviamo Albiano e Quercia d’Oro.

La staffetta è entrata in città passando dal Castello Malaspina di Terrarossa, dove il bordone del pellegrino è stato consegnato dal Sindaco di Licciana Nardi nelle mani della Presidente del Consiglio Comunale Silvia Amorfini. I camminatori sono poi transitati dal Comune, procedendo a raggiungere l’Abbazia di San Caprasio, in assoluto uno dei più antichi punti di sosta della Via Francigena, fatta erigere da Adalberto di Toscana in posizione strategica alla confluenza dei fiumi Magra e Aulella, con annesso spedale. Qui, accolti dal Dott. Riccardo Boggi, Direttore del Museo di San Caprasio, i pellegrini hanno ammirato l’abbazia benedettina, scoprendone l’affascinante storia. La visita dei pellegrini è poi proseguita all’interno del museo, allestito in quella che anticamente fu la sala capitolare ed in cui si è efficacemente ricostruito il mondo dell’abbazia medievale. Il gruppo ha quindi raggiunto la località di Quercia, dove l’Associazione “La Quercia d’Oro” ha organizzato per l’occasione, sullo sfondo delle maestose Alpi Apuane, una speciale cena a base di focaccette e prodotti tipici del territorio. La serata è infine proseguita con un ulteriore appuntamento nel chiostro-giardino della struttura museale di San Caprasio per una suggestiva immersione nella musica medievale ad opera dei cantastorie Franca Baronio e Paolo Zuccotti che, nel rispetto delle sonorità arcaiche tramandate nel tempo, hanno restituito ai presenti una testimonianza artistica di limpida semplicità, il più aderente possibile allo spirito dell’epoca.

Il programma di accoglienza è proseguito stamattina attraverso il sentiero detto “Dei Briganti”, con la visita al santuario della Madonna degli Angeli, sito in località Arforara, nato come ospizio altomedievale di strada, nominato nel “Registrum Novum” e “Registrum Vetus” quale termine di riferimento della dogana del sale, negli accordi presi tra il Comune di Lucca e quello di Sarzana nel 1259. Qui i pellegrini hanno apprezzato la storia di un luogo sacro che assunse una certa importanza nel corso del XVII secolo, quando il marchese Negri Pavese si salvò da un’imboscata all’altezza dell’antico spedale, dove presso una maestà una schiera di angeli avrebbe sostenuto il suo cavallo consentendogli di saltare oltre gli aggressori: un fatto che spinse lo stesso marchese a far erigere nel 1664 un tabernacolo votivo. Successivamente, nel 1665 fu avviata la costruzione del santuario, abbellito da un altare marmoreo dello scultore carrarese Giovanni Baratta, donato alla chiesa dagli eredi del marchese nell’anno 1763.
Dopo la visita al santuario, percorrendo uno dei tracciati recuperati con lodevole impegno dai giovani caprigliolesi in collaborazione con la Pro Loco del luogo, i pellegrini hanno raggiunto il borgo dalla caratteristica forma a stella cometa protesa sulla val di Magra, dove sono stati accolti dai rappresentati della Pro Loco e della Cooperativa L’Ortara, che per l’occasione ha organizzato una deliziosa degustazione a km 0 a base di prodotti del territorio. La gradita sosta gastronomica ha permesso ai pellegrini di rifocillarsi prima di proseguire con la visita guidata all’antico borgo mediceo.

“Aulla – afferma Roberto Cipriani, vice sindaco e assessore al Turismo – è stata uno dei Comuni fondatori della Via Francigena, 20 anni fa, e siamo orgogliosi di essere tappa di questo evento che rappresenta un momento intenso per la nostra comunità. La crescita della Via Francigena è stata importante per lo sviluppo di un turismo più consapevole che riscopre valori e territori un tempo marginali, ora diventati importanti a livello nazionale ed internazionale, nel segno di un turismo in grado di promuovere cultura e di portare migliaia di persone attraverso luoghi ancora inesplorati, con le proprie popolazioni e tradizioni. Siamo felici che la nostra accoglienza, culminata con il dono ai pellegrini di un piccolo omaggio in ceramica, che abbiamo preferito ad una fredda targa, sia stata tanto gradita”.

Più informazioni
leggi anche
Il Magra e l'Aulella ad Aulla
80 comuni
Riserva Unesco Appennino, c’è anche Aulla: “Sempre creduto in questo percorso”
Claudio Stucchi al Passo della Cisa
Duemila chilometri
Lungo la Via Francigena per aiutare i malati terminali, Claudio Stucchi arrivato a Sarzana
Caprigliola
Il borgo
Caprigliola, sostituzione fognature e tubazioni acquedotto