Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Dopo i fatti di stresa

Dal Cerreto: "Seggiovia collaudata: massima sicurezza, sempre"

Turismo Appennino: "Controlli e revisioni vengono effettuate scrupolosamente da personale interno e dagli organismi preposti con addetti competenti e preparati".

Cerreto

“La tragedia accaduta a Stresa ci ha davvero colpito e vogliamo esprimere il pieno cordoglio alle vittime ed ai loro familiari per una vicenda che davvero ha scosso tutti e soprattutto gli amanti della montagna che usano gli impianti di risalita quasi ogni giorno, per lavoro oppure per svago. Un incidente come quello che è avvenuto non può e non deve succedere mai”. Così la Turismo Appennino che da diversi anni gestisce gli impianti di risalita di Cerreto Laghi, la stazione invernale dell’Apppennino Reggiano tanto cara agli spezzini, che aggiunge: “Ci teniamo però a ricordare che il trasporto a fune è considerato uno dei mezzi più sicuri al mondo per via delle basse velocità, il facile trasporto dei passeggeri in caso di avaria, le strette misure di sicurezza e le frequenti revisioni a cui sono sottoposi gli impianti.
A Cerreto Laghi, sui nostri impianti, la sicurezza e la manutenzione sono da sempre prioritari: i controlli e le revisioni vengono effettuate scrupolosamente da personale interno e dagli organismi preposti con addetti competenti e preparati”.
La Turismo Appennino fa effettuare due collaudi l’anno: prima della stagione invernale e prima della stagione estiva. In questi giorni infatti avevamo i tecnici della motorizzazione civile, organismo preposto per i collaudi, per dare il via all’apertura prevista per fine mese. “Le manutenzioni, infine, sono svolte regolarmente con personale preparato e qualificato. Pertanto quando l’impianto è aperto, dal punto di vista tecnico, è assolutamente sicuro. Quindi vi aspettiamo quest’estate sulla nostra seggiovia in sicurezza ed in assoluto relax. La nostra attenzione alla sicurezza è sempre massima”.

Più informazioni
leggi anche
I lavori alla pista Vallefonda a Cerreto Laghi
Sarà l'anno giusto?
Dopo due inverni da incubo, lo sci si dà delle regole