Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
"qui dove il comune è assente"

Melley: "Degrado alla Pieve, ecco le nostre proposte per il quartiere"

La Pieve

“Diversi cittadini ci hanno ripetutamente segnalato la situazione di scarsa o assente manutenzione del verde, dei canali, della illuminazione all’interno del quartiere della Pieve. I problemi di incuria e degrado della Pieve sono da tempo noti all’amministrazione e sono stati oggetto di precedenti interpellanze e, soprattutto, di un’apposita seduta di commissione lavori pubblici che si è tenuta a giugno 2019 su mia richiesta. Da allora vi è stato un intervento episodico di sfalcio dell’erba, ma nessun altro problema è stato preso in carico dal Comune nonostante le rassicurazioni fornite all’epoca dall’assessore ai lavori pubblici”.

Così Guido Melley, Capogruppo Leali a Spezia/Lista Sansa, che continua: “Nel mese di settembre 2020 si è verificata inoltre la caduta di un albero di grossa taglia che ha comportato la chiusura del parco sino a poche settimane fa. Ho presentato quindi un’interpellanza per conoscere innanzitutto l’esito della perizia effettuata sullo stato delle alberature del quartiere al fine di prevenire altre possibili cadute, potenzialmente pericolose per la pubblica incolumità delle persone e degli autoveicoli in transito o sosta”.

“Si chiede inoltre di conoscere – continua Melley – tempi e modalità per eseguire i seguenti interventi non più rinviabili: derattizzazione; pulizia del canale che fiancheggia il parco; manutenzione marciapiedi e strade; rimozione mezzi abbandonati; potenziamento dell’illuminazione (intervenendo anche sulla potatura degli alberi); cura del verde ed in particolare taglio degli alberi pericolosi che si affacciano sulla pubblica via e rimozione degli alberi da tempo caduti; manutenzione del parco lato chiesa (oggi di fatto non utilizzabile); potatura delle canne su via Gavatro; realizzazione di una fascia di protezione antincendio tra l’abitato e le zone boschive limitrofe; messa in sicurezza della zona del cantiere Anas con intervento anche di regimazione delle acque pluviali”.

Più informazioni
leggi anche
Marco Raffaelli
Alla pieve
“Aree di cantiere in stato di abbandono, come intende intervenire l’amministrazione?”