Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Covid permettendo

Crociere al via, Costa dal 7 maggio. Poi tocca ai tedeschi di Tui cruises

La compagnia genovese sarà la prima e scalerà alla Spezia dope essere partita da Savona il primo maggio. Tui farà quattro toccate tra maggio e giugno. Attesa ad agosto Msc cruises.

Costa Diadema ormeggiata al Molo Garibaldi

Sono tre le compagnie attese al Molo Garibaldi per la prossima stagione estiva. Si tratta, nell’ordine, di Costa crociere, Tui cruises e Msc cruises. Due marchi italiani e uno tedesco, con interessi nel mercato interno o in quello del centro Europa. Sarà molto più difficile, invece, vedere ormeggiate nel golfo navi cariche di cittadini statunitensi, come accade sempre nel caso di Royal Caribbean, per le difficoltà che si temono negli spostamenti aerei intercontinentali anche nel corso dei prossimi mesi.
“Costa Smeralda dovrebbe ripartire da Savona il primo maggio – spiega a Cds, Giacomo Erario, direttore del Cruise terminal – e dovrebbe arrivare in porto alla Spezia venerdì 7 maggio per la prima di una serie di crociere settimanali che la porteranno a fare scalo nel golfo anche il 14, il 21 e il 28 maggio, per poi proseguire con gli arrivi del 4 e dell’11 giugno. A quel punto, se verranno riaperte le rotte verso il sud della Francia e la Spagna, Smeralda potrebbe cambiare itinerario. Nel frattempo mercoledì 12 maggio prenderà il via un ciclo di quattro toccate da parte di Tui cruises che si concluderà a giugno”.
Per quanto riguarda Msc cruises l’attesa dovrà prolungarsi almeno sino al 3 agosto, visto che tutte le crociere previste sino ad allora sono state cancellate. Nel corso di un incontro che si è svolto nei giorni scorsi con tutti i soggetti della comunità portuale spezzina interessati Msc ha illustrato il rigido protocollo sanitario cui dovranno attenersi i passeggeri, mostrandosi pronta per la ripartenza.

Su tutte le altre compagnie c’è un punto interrogativo grande come una casa. “Di mese in mese vengono comunicate le cancellazioni degli scali in porto – prosegue Erario – e tutto dipenderà dall’evoluzione della situazione e delle possibilità di spostarsi in aereo e di fare le escursioni”.
Nel frattempo i lavori avviati dall’Autorità di sistema portuale in Largo Fiorillo sono un po’ indietro rispetto ai tempi che erano stati annunciati l’autunno scorso e invece di concludersi entro l’estate, dovrebbero andare avanti almeno sino a ferragosto.