Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Un san giuseppe molto diverso dal solito

Niente fiera e chiusi in casa, anche i neo papà festeggiano a metà

Nessuno si godrà il giorno festivo del patrono degli spezzini, nemmeno quelli che sono diventati padri da poco e che avrebbero celebrato la loro prima giornata.

Niente fiera. Niente festa patronale, visto che per molti la condizione di “giorno festivo” perdura da giorni e che bisognerà rimanere in casa. L’ultimo significato che rimane intatto per la giornata di San Giuseppe 2020 è quello (in ogni caso non secondario) della Festa del papà. Certo, una consolazione dal retrogusto amaro in questi giorni di emergenza coronavirus. Soprattutto per i papà spezzini, abituati a una festa doppia, se non tripla.

Tolti i “fronzoli” della fiera e della giornata lontana dal posto di lavoro, resta dunque la celebrazione della figura paterna. Abbiamo scovato alcuni spezzini che hanno esordito da poco in questo ruolo e che domani festeggeranno il loro primo San Giuseppe con i pargoli in braccio.
“Questa situazione ha certamente rovinato un po’ la festa, ma devo dire che in questi ultimi giorni, in compenso ho avuto la fortuna di poter trascorrere un po’ di tempo in più con mio figlio e di questo non posso che essere contento. Tra l’altro sono stati giorni intensi in cui l’ho visto imparare a camminare e a pronunciare le prime parole”. A parlare è Francesco Fosella, che insieme alla compagna Nicole ha dato alla luce l’estate scorsa il piccolo Federico. “Sognavo di portarlo in fiera, che per me è quel giorno in cui con un panino con la porchetta in mano si incontrano un sacco di amici e parenti che altrimenti non vedrei mai. Vorrà dire che l’attesa aumenterà ancora”, conclude Francesco.

La prende con filosofia anche Luca Sarbia, neo genitore di Aurora insieme alla compagna Samantha. “Sarà una festa del papà un po’ particolare, ma sicuramente bella perché la trascorrerò comunque insieme a mia figlia e alla mia compagna. Non potremo andare in giro, ma fa lo stesso. E’ stato più strano non poter festeggiare i miei 40 anni una decina di giorni fa… Di sicuro ricorderò questo periodo per svariati motivi”.

Anche Jacopo Mori domani festeggerà la sua prima festa del papà assieme alla compagna Lucia e alla loro bambina Giorgia. “La piccola ogni giorno mi dà una soddisfazioni nuove. Domani sarà sicuramente una giornata di festa un po’ sottotono vista la situazione in cui versa tutto il Paese. Abbiamo la fortuna di avere un grande terrazzo e proveremo a distrarci mangiando qualcosa all’aperto”.

Insomma, anche i neo papà, come tutti gli altri ma con un motivo in più per sorridere, vivranno un San Giuseppe a dir poco “originale”. La speranza è che rimanga l’unico della storia in una situazione del genere.

leggi anche
Viale Mazzini questa mattina
Dead line a metà febbraio
San Giuseppe, prima riunione in Comune. Ma si naviga a vista: sulla fiera resta l’incognita Covid