Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Il sindaco: "ritardi inaccettabili"

Peracchini: "Adsp dovrebbe ritirare concessione a Lsct se entro gennaio non emetterà bandi"

Pierluigi Peracchini

“Mi auguro che, se entro metà gennaio Lsct non avrà dato notizie sul bando per la realizzazione dell’ampliamento di Molo Garibaldi, l’Autorità di sistema portuale avvii la procedura di revoca delle aree demaniali date in concessioni per quello specifico intervento”. Lo ha detto all’Ansa il sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini dopo che nei giorni scorsi i rapporti tra l’amministrazione comunale e il terminal portuale del gruppo Contship si sono ulteriormente raffreddati a causa dei ritardi del terminal nella realizzazione dell’infrastruttura, necessaria a ampliare il traffico container ma anche a liberare gli spazi per realizzare la nuova stazione crocieristica e il nuovo waterfront.

La querelle era scoppiata dopo il licenziamento di una dipendente per la razionalizzazione di un settore di Lsct, reso noto da CDS (leggi qui). Sull’emissione del bando Contship aveva spiegato che erano ancora in corso verifiche tecniche.

“Dopo 4 anni sono scuse inaccettabili – ha detto Peracchini all’Ansa -, siano rispettati i motivi per cui hanno acquisito quella concessione. La città non può subire gli egoismi di una azienda.
Non hanno fatto investimenti per le infrastrutture adatte ad accogliere le nuove navi mentre procedono con investimenti in Marocco. Se entro metà gennaio non avremo novità penso sia un atto dovuto dell’Authority quello di ritirare la concessione per gli spazi in cui dovrebbero prendere corpo gli ampliamenti”.

Più informazioni