LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Voltei aqui

”FECSTA” CINEMA ITALIA E LOTTA

FECSTA

Eccomi di nuovo qua, come sempre, dopo una lunga pausa un qualcosa mi stimola a scrivere. Ammetto che dopo parecchi mesi senza voglia e deluso per tutto quello che sta succedendo in Brasile, in Italia e nel mondo, sono stato invitato ad un Festival di Cinema (FECSTA) in una cittadina sperduta nell’entroterra dello Stato di Espirito Santo, Santa Teresa. Mercoledì siamo partiti, e dopo 12 ore di macchina siamo arrivati in questa ridente cittadina arroccata nelle montagne. Nella pora della cittá la prima sorpresa; un’enorme scritta in Italiano ”Prima Colonia Italiana in Brasile, benvenuti!”.
Molto sorpreso ho iniziato a girare, e tutto mi sembrava strano. Le dodici ore di macchina mi avevano per un´attimo riportato in Italia; le persone, l´architettura, il mangiare, in questo clima di un´Italia che valorizza la tradizioni, nel quale le mie amiche Luisa Lubiana e Marta Twice insieme a altri sono riusciti a organizzare festival di cinema basato sulla resistenza e sulla Lotta.
L´inaugurazione é stata emozionante, e ammetto di aver dovuto trattenere qualche lacrima, molti anziani figli di immigranti in vestiti folcloristici italiani cantavano canzoni tradizionali, molte delle quali che non conoscevo e, conversando con loro, ho scoperto essere state scritte dai loro antenati durante il viaggio in nave dall´Italia al Brasile, brani che facevano emergere il dolore, la sofferenza e le difficoltá incontrate nell’arrivare nel nuovo mondo. Automaticamente ho pensato alla situazione emigranti dei nostri giorni, e ammetto di aver quasi pianto; come possiamo essere cosí egoisti? Il contesto mi ha fatto riflettere ed é stato la risposta alla mia sofferenza interiore, in questo momento storico l´arte può essere la soluzione alle le nostre lotte, forse non l´unica forma ma senza dubbio una maniera pedagogica per esprimere le nostre idee in un mondo ormai polarizzato. FECSTA fa questo, presenta cortometraggi e documentari di lotta che ci invitano a riflettere… Grazie a FECSTA ho ritrovato la speranza la voglia di lottare, e parlando con gli organizzattori la nostra idea ora è di riuscire a realizzare un ponte con l´italia, si, un ponte, invece dei muri che nel mondo si vogliono costruire, e siate pur certi che ci riusciremo. UNITEVI.