Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Attualità

Per ‘fare comunità’ ci vuole dedizione, coerenza ed umanità

di Fabio Lugarini

Import 2017

Quando finisce un anno il rischio della retorica è dietro l’angolo. Fra i bilanci di cosa è stato e i propositi per il futuro, si cade facilmente nelle ovvietà dei più, nelle frasi ad effetto che tolgono le parole a chi, magari, le avrebbe. Ci lasciamo alle spalle un anno ed entriamo in quello nuovo con un solo auspicio: che la gente ritrovi la capacità di analizzare e decidere quello che succede, combattere per quello che si è scelto e non buttarlo via al primo momento di sconvenienza personale. Nella vita reale, quella privata e degli affetti, così come nella dimensione pubblica, la speranza è che umanità e coerenza tornino di moda: anche se è dura “fare comunità” nell’epoca dell’individualismo, sarebbe già fondamentale smettere di dare sempre la colpa agli altri a proposito di tutte le proprie mancanze. E magari si tornasse a leggere non solo i titoli, visto che a tal proposito i dati Istat sono spietati, non sarebbe male: 6 italiani su dieci nel 2016 non hanno letto alcun libro, anche se aumenta la quantità di pubblicazioni. Secondo un recente studio di Acm Sigmetrics, il 50% dei lettori su internet ha lasciato la pagina di un articolo senza leggere nemmeno una riga ma pensando bene di twittarla. Ecco, provate a pensarci: fare vostro il pensiero di qualcuno senza sapere nemmeno se, leggendo, sareste d’accordo è pericoloso, nel tempo. Provate ad uscire dalle compulsioni complottistiche e dai paragoni copiati, provate a farvi un’idea vostra, colmando le proprie lacune con umiltà, senza ricorrere a benaltrismi e argomenti da click facile, senza condividere l’ovvio, quello che farebbero tutti. Poi quell’idea elaborata e montata dentro di voi provate a spiegarla agli altri in modo puntuale e leale, con l’obiettivo di essere compresi e non per forza condivisi. E se, entro la fine del prossimo anno, non avrete trovato le corrispondenze sperate, beh… pensate a chi ci prova tutti i giorni.

Buon 2018!

Più informazioni