Quantcast
Tour spezzino per il messaggio di Bergoglio dedicato a migranti e rifugiati - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Attualità

Tour spezzino per il messaggio di Bergoglio dedicato a migranti e rifugiati

Il vescovo Luigi Ernesto Palletti presenterà lo scritto del pontefice.

Due giovani migranti sorreggono il tricolore mentre la banda suona l'inno di Mameli

La giornata del primo gennaio, inizio dell’anno civile, è caratterizzata ogni anno, da oltre mezzo secolo, dalla celebrazione della Giornata mondiale della pace. Voluta da Papa Paolo VI nel 1967, l’iniziativa è stata poi sempre ripresa dai suoi successori, che ogni anno hanno inviato ai fedeli cattolici di tutto il mondo ed agli uomini di buona volontà specifici messaggi relativi al tema della pace nel mondo nelle sue molteplici “declinazioni”. Quest’anno il messaggio di Papa Francesco assume ancora una volta una connotazione di particolare attualità, essendo dedicato a “Migranti e rifugiati, uomini e donne in cerca di pace”. Le parole del Papa, attraverso gli interventi dei vescovi, risuoneranno così in tutte le Chiese locali del mondo, ed anche in quella della Spezia – Sarzana – Brugnato. Secondo la tradizione della diocesi, il vescovo Luigi Ernesto Palletti presenterà alle autorità civili ed ai fedeli il messaggio del Pontefice in due diverse circostanze. Stasera alle 18, ultimo giorno dell’anno e vigilia della solennità di Maria, Madre di Gesù, lo farà presiedendo, alla Spezia, la Messa solenne nella cattedrale di Cristo Re. Prima del termine del rito, com’è consuetudine in questa circostanza, verrà cantato il “Te Deum” di ringraziamento per l’anno che finisce. Domani, primo gennaio, monsignor Palletti sarà a Sarzana, nella basilica concattedrale di Santa Maria Assunta, dove alle 18 presiederà la Messa ed illustrerà ugualmente il messaggio del Papa per la Giornata della pace. Si tratta di un messaggio assai articolato, ed incentrato sulla riproposizione dei quattro verbi che appaiono centrali nel misurarsi con il persistente fenomeno delle migrazioni, che è sempre più un fenomeno mondiale. I quattro verbi sono: accogliere, proteggere, promuovere, integrare. Sulla loro attuazione, come è noto, la diocesi è attivamente impegnata da diversi anni, in particolare attorno alla Caritas e ad altri movimenti ed associazioni di ispirazione cristiana che collaborano con essa. A Sarzana, nel corso della celebrazione di lunedì sera, sarà anche cantato il “Veni Creator Spiritus”, ad invocare la protezione dello Spirito Santo sul nuovo anno che inizia. Ricordiamo che il vescovo sarà alla Spezia e a Sarzana anche il sabato successivo, per la celebrazione dell’Epifania: alle 10.30 celebrerà alla Spezia, in cattedrale, consegnando il premio della bontà per l’anno 2017, ed alle 18 a Sarzana, ugualmente nella basilica concattedrale.

Più informazioni