Quantcast
"Potere al popolo", la nuova lista della sinistra in vista delle Politiche - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Politica

"Potere al popolo", la nuova lista della sinistra in vista delle Politiche

Potere al popolo

Ci saranno anche loro, il 4 marzo, a competere alle elezioni politiche che segneranno il futuro dell’Italia nei prossimi cinque anni. Lo sbarramento al 3 per cento non rappresenta un problema, “Potere al popolo” punta più in alto. La lista nasce dal basso, dopo il fallimento del Brancaccio e la rottura che si è consumata con la sinistra che ha scelto Pietro Grasso come candidato premier, figura che incarna troppa continuità con il Pd per chi, invece, il nome sul quale puntare ancora non lo ha preso in considerazione. Nelle riunioni tra gli esponenti del mondo dell’associazionismo, quelli di Rifondazione comunista e quelli dei Comunisti italiani, infatti, di candidature ancora non si è parlato.
Ieri il battesimo spezzino di “Potere al popolo” si è svolto all’interno del Skaletta rock club.
“La Skaletta è uno storico luogo di ritrovo di giovani e meno giovani. In tante e tanti – affermano in una nota i fondatori del movimento – ci siamo ritrovati negli anni per salire sul palco, per stare sotto al palco, per ballare e saltare, per una birra al bancone, per il semplice gusto di stare insieme. Ieri lo stesso posto è stato teatro dell’incontro di una comunità in costruzione. Ci siamo parlati e riconosciuti: c’è chi a Spezia ci lavora e racconta la materialità di una vita fatta di precarietà e disoccupazione; chi ha provato ad andar via, per rendersi conto che anche fuori dall’Italia non esiste alcun “Eldorado”, e poi è tornata e via di nuovo con lavoro saltuario, sfruttato; chi ha perso tutto con la crisi e ha dovuto reinventarsi; chi insegna e chi studia, patendo la devastazione dell’istruzione che prosegue senza sosta, Governo dopo Governo. Ci sono giovani e anziani, donne e uomini, Nord e Sud. Storie diverse, vite diverse, ma la stessa dannata voglia di non arrendersi, di non lasciarsi andare alla rassegnazione. L’entusiasmo da ragazzini di chi ha anche 50 anni e passa. Perché, come diceva Allende, esistono giovani vecchi e vecchi giovani.
E ieri vecchi non ne abbiamo visti!
Non siamo nati per resistere; siamo nati per vincere!
Costruiamo il potere popolare!
Potere al Popolo!”

Più informazioni