Quantcast
Ferraioli (Pd): "Intitolare una strada a Emanuela Loi è un dovere per la cultura della legalità" - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Politica

Ferraioli (Pd): "Intitolare una strada a Emanuela Loi è un dovere per la cultura della legalità"

Emanuela Loi

“Nel 2013 su mia sollecitazione la commissione comunale di Toponomastica espresse parere favorevole all’intitolazione di una strada ad Emanuela Loi. Nell’ultima comunicazione mi informavano che non essendoci, al momento, aree disponibili l’iter della pratica rimaneva sospeso. A tal fine in data odierna ho presentato all’Ufficio di presidenza un’interpellanza per conoscere i tempi per identificazione di una strada e per la conclusione dell’iter per l’intitolazione. Ho inoltre costituito un gruppo su Facebook che vuole raccogliere consenso per sollecitare l’identificazione di una strada da intitolare a questa martire per la nostra libertà e per la legalità. Ideale sarebbe un parco pubblico frequentato dai bambini, perché la diffusione della cultura della legalità sia sempre più presente nei ragazzi e nei giovani”. Il consigliere comunale Maurizio Ferraioli annuncia così la presentazione di una interpellanza per conoscere l’iter della pratica approvata due anni fa.

Emanuela Loi fu insignita della medaglia d’oro al valor civile con la seguente motivazione: “Preposta al servizio di scorta del giudice Paolo Borsellino, pur consapevole dei gravi rischi cui si esponeva a causa della recrudescenza degli attentati contro rappresentanti dell’ordine giudiziario e delle Forze di Polizia, assolveva il proprio compito con grande coraggio e assoluta dedizione al dovere. Barbaramente trucidata in un proditorio agguato di stampo mafioso, sacrificava la vita a difesa dello Stato e delle Istituzioni”.

“Ricordare Emanuela Loi – conclude Ferraioli – significa ricordare insieme a lei tutti coloro che hanno sacrificato la loro giovane vita per difendere lo Stato e difendere la nostra democrazia e sono certo che intitolarle una via sia un dovere per una corretta diffusione della cultura della legalità soprattutto fra le nuove generazioni”.

Più informazioni