Quantcast
Il nuovo codice di Giustizia Sportiva - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

La dura Legge del Goal

Il nuovo codice di Giustizia Sportiva

Import 2014

A partire da questo appuntamento parleremo delle riforme introdotte dal nuovo codice di giustizia sportiva entrato in vigore il 1 Luglio 2014. La novità cardine del nuovo codice è di sicuro il Collegio di Garanzia dello Sport che sostituisce la Corte di Giustizia Sportiva del C.O.N.I. e del Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport.
Tuttavia sia l’Alta Corte che il T.N.A.S. continueranno ad operare secondo le procedure oggi vigenti per le controversie dinanzi loro già incardinate. I procedimenti pendenti davanti agli organi di giustizia presso la Federazione continuano in ogni caso a svolgersi in base alle norme previgenti, fino al recepimento delle nuove norme di giustizia nei rispettivi statuti e regolamenti, i quali entreranno in vigore a seguito dell’approvazione della Giunta Nazionale del C.O.N.I.
Ai sensi dell’art. 54 del Codice, Il collegio di garanzia sarà il terzo ed ultimo grado della giustizia sportiva, una sorte di Suprema Corte di Cassazione Civile a cui è demandata la cognizione delle controversie decise in via definitiva in ambito federale, tranne quelle in materia di doping e e di quelle che hanno stabilito l’irrogazione di sanzioni tecnico sportive di durata inferiore a 90 giorni o pecuniarie fino a 10.000,00 Euro di cui all’art. 12 bis dello Statuto del Coni
Altresì è ammesso ricorso al collegio di garanzia dello Sport avverso tutte le decisioni non altrimenti impugnabili nell’ambito dell’ordinamento sportivo emesse dagli organi di giustizia federale. Il ricorso è ammesso esclusivamente per violazione di norme di diritto, nonché per omessa o insufficiente motivazione circa un punto decisivo della controversia che abbia formato oggetto di disputa tra le parti.
Ai sensi dell’art. 56 del Codice il Collegio di Garanzia dello Sport si articola in quattro sezioni giudicanti e una sezione consultiva; a ciascuna di esse è preposto un Presidente di sezione. Alle sezioni giudicanti sono rispettivamente assegnate le controversie inerenti a:

a) questioni tecnico sportive;
b) questioni disciplinari;
c) questioni amministrative, ivi comprese quelle relative alle assemblee e agli altri organi federali, inclusi i procedimenti elettivi e il commissariamento;
d) questioni meramente patrimoniali.

Nel prossimo appuntamento parleremo invece dell’altra importante novità introdotta dal Codice di Giustizia Sportiva ovvero La Procura generale dello Sport.

Per consulenze, domande o eventuali ricorsi inviate una mail a:
calciospezzino@cittadellaspezia.com