LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Profumo di Menta

Massima sicurezza per il nuovo metrò di Algeri

di Laura De Santi.

Algeri

‘’Certo lo farò, ma quando sara’ pronta la metropolitana !’’. Era ormai diventata una barzelletta la realizzazione della metropolitana di Algeri. Un simbolo dell’inefficienza e della paralisi del paese. Una delle tante promesse mai mantenute dalle autorità. E invece ci siamo: dopo 30 anni, anche Algeri avrà il suo metrò.
La prima linea sara’ inaugurata in pompa magna il 1° novembre, in occasione dell’anniversario dell’inizio della rivoluzione algerina (1954- 1962). Oltre 400 agenti speciali sorveglieranno le 6 stazioni. Un obiettivo sensibile in un paese dove soltanto nel mese di agosto sono morte una quarantina di persone in diversi attacchi, anche kamikaze, rivendicati da Al Qaida per il Maghreb. islamico. Oltre agli agenti di polizia, formati appositamente in Francia, saranno in funzione 24 ore su 24, 244 telecamere e rilevatori di esplosivo.
Al momento (e forse chissà per quanto) saranno operativi soltanto 9 km sui 64 km previsti inizialmente. La tratta collegherà la Grand Poste, nel cuore di Algeri, a Hai El Badr, quartiere orientale della capitale maghrebina.
Il progetto e’ uno dei piu’ vecchi dell’ Algeria, lanciato gia’ negli anni ’70. I lavori cominciarono nel 1983, ma il crollo del prezzo del petrolio, da 30 dollari al barile nel 1985 a 15 dollari nell’86, svuotò le casse e il progetto fu bloccato. Negli anni’ 90 i lavori si fermarono questa volta a causa della profonda crisi che colpì il Paese insanguinato dalle violenze del terrorismo di matrice islamica: le autorità vietarono l’uso dell’esplosivo indispensabile per la realizzazione delle gallerie.
Nel 2003, il governo stanziò 400 milioni di euro e i lavori furono affidati alla tedesca Dywidag che creò un consorzio con le algerine Cosider e Infrafer. Anche l’italiana Trevi partecipa ai lavori ed e’ impegnata nella costruzione delle nuove tratte. Nel 2006, la Societa’ per la metropolitana di Algeri (Ema) affida la finalizzazione del progetto a Siemens Transportation Systems, Vinci e Caf.
La metropolitana, ha spiegato, Omar Hadebi, direttore dell’Ema, garantira’ il trasporto di ‘’25 mila persone all’ora’’. ‘’Entreranno in funzione 11 treni con una capacita’ 1240 passeggeri ciascuno’’, ha aggiunto precisando che ‘’la metropolitana sara’ in funzione tutti i giorni dalle 5 alle 23’’.

Più informazioni