Quantcast
Il giorno dopo il 31 marzo - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Diecianni

Il giorno dopo il 31 marzo

di Raffaele Maulella

Import 2018

Era il 31 marzo di un anno imprecisato, l’anno in cui era stata riportata alla luce la fontana di Piazza Europa. Si discuteva degli spruzzi e del vento.
In fondo noi spezzini siamo un po’ fatti così: in principio la fontana funzionava, e stava bene così, poi non funzionava più, e così stava male, ma costava rimetterla a posto, così qualcuno la trasformò in aiuola, ma così stava male; alla fine tornò alle origini e ridivenne una fontana, era più bella ma così adesso c’erano gli spruzzi portati del vento.
E si cercavano soluzioni, ma si cercavano davvero.
La sera di quel 31 marzo precedeva, come del resto succede ancora oggi, il primo giorno del mese successivo. Se si vuole fare uno scherzo “quel” giorno non ha nome, deve semplicemente essere il giorno dopo il 31 marzo.
Il “TLS Giornale” era finito, nella (allora) sede di Via Roma eravamo rimasti in due (l’altro ha il diritto all’anonimato).
Da un veloce turbinio di forbici e colla uscì fuori un foglio di carta intestata del Comune della Spezia. Un passaggio dentro la stampante e su quel foglio appare misteriosamente la decisione del Consiglio Comunale: la fontana sarà dotata di un sistema di paratie trasparenti a scomparsa, che si alzeranno quando il vento supererà una certa velocità. A corredo misure, velocità, numeri di fantasia.
Poi l’invio a tutte le redazioni.
Dato che tutti discutevano degli spruzzi e del vento, il giorno dopo il 31 marzo quel comunicato fu pubblicato da tutti, giornali e TV. Se la notizia è credibile e possibile, il gioco è fatto.
Questo fu il primo pesce d’aprile di Tele Liguria Sud.
Nella ricerca dello “scherzo perfetto” passò il tempo senza risultati.
Il 31 marzo del 2003 capitò pochi giorni dopo l’inizio della Guerra del Golfo, la situazione era interessante ma certamente grave, testai uno scherzo limitato alla redazione di TLS: un comunicato della Marina Militare che convocava urgentemente una conferenza stampa sulla sospensione permanente del transito veicolare su tutte le strade intorno all’Arsenale per motivi di sicurezza. Riuscii a stento a fermare i giornalisti prima che telefonassero al Comando in Capo..
Questo pubblicò invece il TLS Giornale: “Ed ora una notizia per gli amanti del cinema: domani mattina dalle 7 alle 9 in passeggiata Morin alla Spezia si svolgerà una selezione di aspiranti attori ed attrici per il nuovo film del regista polacco Fisher Rybka dal titolo Women and Man For the Fish” (rybka in polacco significa “di pesce”). Uno scherzo praticamente senza conseguenze, con Internet bastava poco per capire che il regista non esiste.
Passano 366 giorni e arriva il 31 marzo 2004, anno bisestile (non c’entra nulla, ma se non lo scrivo sembra un errore “366 giorni”…), ore 19.20: manca poco al TG e non ho idee, poi un fulmine, si parla già del Waterfront, dell’attracco della navi da crociera, mi viene in mente che ho un video sulla “Carnival Destiny”, allora la nave da crociera più grande del mondo.
Scrivo velocemente un testo in cui spiego che farà una sosta domani in rada alla Spezia durante un viaggio di rientro ai Cantieri di Monfalcone per una revisione ai motori; dato che opera tra USA e Caraibi non sarà possibile visitarla per motivi di sicurezza. Qui però viene il vero lampo di genio a Sergio Diofili “E se dicessimo invece che si può pranzare a bordo gratis prenotando all’Ufficio Stampa del Comune?” Riscrivo il pezzo, mettiamo le immagini e il gioco è fatto: nessuno in redazione sa niente, neppure Laura Donati che in onda in diretta legge tranquillamente la notizia.
Notizia realistica, possibile, credibile.
Così credibile che la riprende anche La Nazione nella cronaca della Spezia, rafforzando il corto circuito di conferme reciproche con Tele Liguria Sud.
Il risultato lo ha poi descritto anche il TG2, dichiarandolo il più bello scherzo del primo aprile.
Code in Comune dalle 7 del mattino, ingorghi in Via dei Colli per vedere la Carnival in mezzo al Golfo, tempeste di telefonate all’Autorità Portuale dagli agenti che non sapevano dell’arrivo della nave, (quando incontro Giorgio Bucchioni ridiamo ancora a distanza di anni…)
Dopo, negli anni successivi, ho inventato voli gratis Luni – Fiumicino (con intervista all’Assessore al Turismo della Provincia Federico Barli), ho mandato gli spezzini nello spazio, a cercare Mascalzone Latino alla Passeggiata Morin, i Sarzanesi a ritimbrare le tessere elettorali…
Quel giorno dopo il 31 marzo è una zona franca, tutto può succedere.
Ma lo scherzo perfetto è rimasto la Carnival Destiny.
Ho già in mente quello per il 2011, anche se ormai il TG del 31 marzo è guardato con sospetto. Riguard…
Come, ho finito lo spazio!? No, mi tagliate proprio qui…