Caprioni: “Turismo sarzanese in crescita, avanti così”

Dati positivi dalla Regione, l'assessore: "Voce fondamentale per il rilancio della città".

Sarzana - Val di Magra - L’assessore al turismo del Comune di Sarzana Nicola Caprioni commenta con soddisfazione i primi rilevamenti sulle presenze turistiche emesso dalla Regione Liguria. “Lo scorso anno, fu un anno record per il turismo sarzanese, che, per la prima volta, ha superato il limite delle 200.000 presenze annue con un incremento straordinario del 22% del 2016 sul 2015. Quest’anno, non solo questo trend continua a crescere in maniera significativa, ma fa sperare in un risultato straordinario”. Mancano ancora quattro mesi da conteggiare - prosegue - ivi compreso quello di settembre, che è il mese del Festival della Mente e quest’anno potrebbe essere stato favorito da splendide giornate e clima favorevole e il periodo delle festività natalizie, ma, quest’anno, potremmo contare anche su un evento straordinario come l’importantissima mostra antologica di Andy Warhol, che negli auspici dell’amministrazione comunale (e del tessuto commerciale cittadino) potrebbe portare nuovi interessanti flussi turistici in mesi solitamente “deboli” per quanto riguarda arrivi e presenze”.

I dati ufficiali emessi dalla Regione Liguria, calcolati in maniera uniforme per tutti i comuni della regione, vedono infatti un incremento totale delle presenze turistiche nel comune di Sarzana di 154.758 (123.113 italiani e 31.645 stranieri) contro le 145.036 presenze totali dei corrispondenti mesi del 2016 (116.837 italiani e 28.199 stranieri) con un saldo positivo di 9.722 presenze in più (+6.276 italiani e + 3.446 stranieri) con un incremento percentuale totale di + 6,70% (+ 5,37% italiani, + 12,22% stranieri). Gli arrivi sono passati dai 34.070 (24.169 italiani e 9.901 stranieri dello scorso anno (Gennaio/Agosto) ai 37.106 dello stesso periodo del 2017 (26.417 italiani e 10.689 stranieri), con un incremento percentuale dell’8,91% (+ 9,30% italiani e + 7,96% stranieri).
“Da sottolineare, per la prima volta, un interessante dato sui turisti stranieri sono ancora, ma che registrano un aumento delle presenze (+ 12,22%) molto superiore a quello degli italiani, mentre l’incremento degli arrivi vede un aumento degli italiani del 9,30% e degli stranieri del 7,96%. Segno evidente della maggiore durata della permanenza media di turisti stranieri sul nostro territorio rispetto al turismo nazionale”.
“Abbiamo voluto fortemente la Mostra di Andy Wharol per far entrare Sarzana nel giro delle grandi mostre d’arte - osserva ancora Caprioni - e abbiamo coraggiosamente scelto un periodo al di fuori della stagione estiva, perché dopo tanto parlare di “destagionalizzazione”, noi l’abbiamo attuata, cercando di dare un sostegno importante alle strutture ricettive e al tessuto commerciale e artigianale locale nei mesi di bassa stagione, quando ne hanno più bisogno”.
“Ora dobbiamo proseguire con coraggio su questo terreno - continua - finalmente dal 2018 disporremo di un piccolo budget per la promozione turistica, che ho fortemente voluto e che è stato approvato dalla giunta, utilizzando una quota della tassa di soggiorno. Potremmo avere siti dedicati, presenza sui social network, brochure e materiali promozionali in lingue estere e cartellonistica idonea, ma soprattutto potremmo partecipare a fiere internazionali del turismo e a work-shop, ove incontrare i tour-operator e organizzare flussi turistici verso Sarzana. Abbiamo tutte le carte in regola, una città d’arte, ricca di fermenti culturali e di eventi. La prossima amministrazione dovrà preoccuparsi di realizzare un Ostello per ospitare i tanti pellegrini della Via Francigena. La cultura, gli eventi come mostre e festival, il turismo religioso (Il Preziosissimo Sangue e il crocifisso di Mastro Guglielmo), quello sportivo, quello enogastronomico e di prodotto, quello convegnistico possono riservare grandi soddisfazioni, se debitamente organizzati e assistiti. Possiamo individuare altre possibilità nella valorizzazione del percorso ciclabile europeo e in quello dell’Alta via dei Monti Liguri, come in attività legate al mare e alla nautica”.

L’assessore conclude: “Il turismo può rappresentare la chiave decisiva per il rilancio di Sarzana, che indubbiamente ha perso negli ultimi anni le presenze “pendolari” delle cittadine vicine come La Spezia e Carrara, ma invece che puntare su un improbabile ritorno di questi, è forse preferibile puntare gli sforzi verso un forte incremento delle presenze turistiche, che rappresentano un pubblico con maggiori capacità di spesa e suscettibile di dare maggiori soddisfazioni al nostro commercio e alle nostre strutture ricettive e della ristorazione. La strada imboccata è quella giusta, i dati lo stanno a dimostrare, ora occorre proseguire e cercare numeri ancora più importanti”.


17/10/2017 22:01:00


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy