a porta romana

Sarzana in movimento: "Pino dei giardini abbattuto senza alcuna perizia"

L'associazione di Chiappini: "Non è un bel modo di trattare i cittadini".

Sarzana - Val di Magra - “Riteniamo che sia stata perpetrata una gravissima azione senza nessuna giustificazione efficace: il pino era sanissimo, come dimostra la foto del tronco tagliato, e nessun segnale poteva ipotizzare un suo sradicamento per via del vento, come dimostra la foto in cui non si vede neppure una radice affiorante. Nel caso di timori potevano ben essere messe in campo ottime soluzioni utilizzate dappertutto da chi ha cuore la preservazione del verde e, soprattutto, delle piante storiche o di particolare bellezza”. Lo afferma Valter Chiappini, presidente dell'associazione Sarzana in movimento circa il taglio dell'albero dei giardini di Porta Romana avvenuto nelle scorse settimane.
“Grazie all'interessamento del Presidente del Consiglio comunale Carlo Rampi – spiega - siamo venuti a capo della famosa perizia che secondo molti componenti della attuale maggioranza avrebbe giustificato l'abbattimento dello storico e maestoso (nonché sanissimo) pino di Porta Romana. Ebbene, come si sospettava, non esiste alcuna perizia che giustificasse l'abbattimento di quello che era un patrimonio dei cittadini di Sarzana (per giunta senza nessuna previsione di ripiantumazione).
A prescindere dal fatto che, senza l'interessamento, volto alla correttezza dei rapporti istituzionali ed al rispetto delle norme, del Presidente del Consiglio comunale, non avremmo mai avuto soddisfazione all'accesso agli atti previsto dalla legge già di per se fatto grave. Un'amministrazione seria dovrebbe saper rispondere alle contestazioni nel merito”.


16/02/2020 13:55:38


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie