si sposta nel senese

Mama Africa rinasce dopo un anno ma dice addio alla Lunigiana

Lunigiana - Nuova location per il Mama Africa Meeting (MAM) che, dopo un anno di stop e undici anni trascorsi in Lunigiana, approderà dal 29 luglio al 2 agosto 2020, al parco Fucoli di Chianciano Terme (SI). La nuova edizione rinasce su iniziativa dell’omonima associazione “Mama Africa Meeting - Incontro e Cultura”, grazie ai patrocini della Regione Toscana e del Comune di Chianciano Terme.
Tra i principali festival internazionali dedicati alla musica e alle danze dell’Africa Occidentale, MAM propone un ricco programma di corsi con protagonisti gli strumenti musicali (tra cui djembe, n’gonì, balafon etc.), i canti e le danze tradizionali che coinvolgeranno un migliaio di allievi tra professionisti, debuttanti e semplici curiosi, provenienti da tutta Europa.

Elemento distintivo del MAM è il ricorso al linguaggio universale dell’arte come collante interculturale in grado di favorire lo sviluppo di una società basata sull’accoglienza, l’antirazzismo e la pace. Il tema della dodicesima edizione, ha come titolo “I linguaggi artistici come mediazione culturale”. La mission della nuova tematica tende a favorire l’incontro tra importanti artisti africani ed europei in grado di stimolare interessanti riflessioni, sull’evolversi della produzione artistica nata attraverso il dialogo e la condivisione. È infatti uno dei principali obiettivo del festival la creazione di presupposti ideali per il confronto e la predisposizione allo scambio culturale valorizzando le diverse specificità culturali.


15/02/2020 11:40:49


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie