Start working

Pontremoli a caccia di residenti: "La casa ve la troviamo noi"

Nuova iniziativa dell'associazione 'Farfalle in cammino' dedicata alla città lunigianese: "Qua vero spirito di comunità".

Lunigiana - “Pontremoli è una città viva, dove tutti si conoscono e dove si respira il profumo di comunità. E il senso di comunità è così radicato che chiunque stia valutando di trasferirsi a Pontremoli per lavorare in smart-working, se lo vorrà, sarà loro ospite gratuitamente per un giorno intero, così da scoprire questo posto meraviglioso. Per chi verrà qua - non importa se per un mese, un anno o una vita intera, è stato attivato un servizio di ricerca abitazione, in partnership con l'agenzia immobiliare Terra di Lunigiana, e un welcoming. Saranno affiancati a persone del posto che li accoglieranno con gioia a Pontremoli, con le sue tradizioni, i suoi abitanti, così da entrare veramente nel tessuto sociale della città”. Questo il senso di una nuova iniziativa, senza scopo di lucro e denominata Start working, spiegato dai promotori, cioè l'associazione di turismo responsabile 'Farfalle in cammino', con il Patrocinio del Comune di Pontremoli.

“Un posto migliore per lavorare in smart-working – osservano - lo potete trovare solo su un'altra galassia. Pontremoli è un'alchimia perfetta: vicina a città importanti, al mare e ai monti, può vantare la presenza di tutti i servizi che servono, un’ottima qualità della vita e un senso di comunità unico e travolgente. Per questo invitiamo chiunque a incominciare a lavorare... da Pontremoli!”. Insomma, il tentativo originale e informale di attirare soggiornanti o addirittura residenti nel centro lunigianese. “Nello stesso tempo impiegato per andare da Monza a Milano – continuano le Farfalle -, da Pontremoli si possono raggiungere otto capoluoghi di provincia, passare dal mare della Versilia, alle Cinque Terre, agli impianti sciistici dell'Appennino Tosco-Emiliano, fino alle Alpi Apuane. Milano è a sole due ore di auto. In più, a Pontremoli c'è un'infinità di servizi: dalla fibra, a centinaia di esercizi commerciali, bar e ristoranti, scuole, associazioni di volontariato, oltre a stazione e autostrada”. I mesi infausti della pandemia come occasione per cambiare città, e magari vita? Chissà, staremo a vedere se qualcuno vorrà spostare armi, bagagli e scrivania all'ombra del Museo delle statue stele e del Caffé degli svizzeri.


23/10/2020 20:40:44


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie