Dall'Appennino al Resegone per puro amore della montagna

Lunigiana - A conferma del fatto che l’Appennino tosco emiliano e le Alpi Apuane siano una interessante palestra di montagna, fa da esempio l’esperienza del tenente di artiglieria contraerea Ivan Tosato, il quale nei giorni scorsi ha finalmente potuto realizzare una propria passione: cominciare a scalare in solitario le montagne.

Dopo aver frequentato diverse giornate istruttive sulle Alpi Apuane, sull’Appennino Tosco Emiliano, e presso la Pietra di Bismantova, organizzate dall’associazione Mangia Trekking , con la cura diretta di Gabriele Morini, con un passato tra gli alpini ed oggi uno dei riferimenti alpinistici dell’associazione, è andato libero e in sicurezza, lassù dove lo sguardo può spaziare verso l'infinito. In una bella giornata di sole, dopo una piccola nevicata sul territorio, picca e ramponi al seguito, partendo da Brumano in provincia di Bergamo è salito sul monte Resegone, la montagna simbolo della città di Lecco. Un dislivello di circa 1.000 metri lo ha condotto prima al Rifugio Azzoni e poi sulla vetta, dalla quale si possono osservare emozionanti panorami sull’arco alpino e su tanti bellissimi luoghi della Lombardia (laghi, e città). Tosato, sulla vetta del monte Resegone, ha lasciato un piccolo simbolo dell’Appennino Tosco Emiliano (terra di origine della sua famiglia) per significare che la montagna unisce e non fa distinzioni. Proseguono così le attività dell’associazione Mangia Trekking verso la valorizzazione dei territori e la promozione di quello sport per tutti, che deve saper essere piacevole, sicuro e culturale, chiamato Alpinismo Lento.


15/02/2020 15:34:11


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie