'Toti a testa in giù', Pastorino: "Una farsa per fare propaganda"

Liguria - "Comprendiamo che il Presidente Toti si indigni di una frase violenta nei suoi confronti. Frase per altro che sembrerebbe lì da tempo, ma che indipendentemente dal tempo è censurabile e condannabile. Devo dire però che quello che ci ha più sorpreso sono gli scritti di solidarietà apparsi in questi giorni, in perfetta sintonia con una campagna elettorale che se si presenta così, ci sarà veramente da ridere. L’Assessore Cavo che va a cancellare la scritta, capisco che da tempo anche lei è in campagna elettorale, senza però aver mai cancellato nessuna scritta violenta su altre persone, taluni gruppi consiliari e politici che si affrettano a dare la propria solidarietà a Toti, e addirittura alcuni deputati chiudono l’intervento del Presidente della RAI per una vecchia scritta, perché siamo a tre mesi dalle elezioni”. Lo si legge in una nota diffusa dal consigliere regionale Gianni Pastorino, capogruppo Linea Condivisa. Il fatto è la comparsa su un muro della scritta 'Toti a testa in giù' (foto).

“Per quanto ci riguarda – continua Pastorino - non siamo violenti, non siamo razzisti non siamo omofobi, non abbiamo mai pensato che la lotta politica determini l’eliminazione dell’avversario, e siamo sempre stati rispettosi di un confronto a viso aperto sui contenuti, quindi tutta questa situazione ci sembra una farsa, per fare un po’ di propaganda con tanto di foto, e, per alcuni, per dimostrare che la democrazia non è violenta non è aggressiva non è lesiva dei diritti. Ci piacerebbe invece proprio ragionando nel più alto termine di democrazia, che il confronto fosse sui contenuti, fosse sulle ricette che ognuno di noi ha per migliorare la vita delle persone di questa Regione, perderemmo meno tempo a fare fotografie e forse saremmo più utili per la comunità”.


17/02/2020 19:16:18


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie