lettere a cds

"Senza dpi rischio per operatori sanitari e per la possibilità di successo in questa battaglia"

- Buongiorno,
come Ordine delle Professioni Infermieristiche spezzino ritorniamo sulla questione dei DPI (dispositivi di protezione individuali) che è diventata estremamente attuale con l'esplosione dell'emergenza da Covid-19. Il responsabile della Protezione Civile Angelo Borrelli ha spiegato che in Italia non esiste praticamente più nessuna produzione di mascherine e che tutto, a causa del basso profitto, è stato ''delocalizzato''. A questo punto dall'estero gli ordini di acquisto arrivano con il contagocce (perchè nel frattempo la pandemia è ovviamente esplosa, in quanto tale, pressochè ovunque) e i nostri medici, infermieri, operatori sanitari, i volontari del soccorso, tutto il personale che può trovarsi in condizioni di contatto non ha la certezza di poter disporre di questo materiale prezioso.

Francamente non sappiamo, perdurando l'emergenza, fino a quando sarà possibile assicurare le forniture e ci piacerebbe uno sforzo corale, ed una azione comune di tutti coloro che hanno un ruolo nella vicenda, al fine di avere, dove sono realmente necessari, questi DPI in quantità e qualità adeguate. Vorremmo anche rivolgere un appello a chi può obbligare alcune strutture industriali a convertire parte della loro produzione, per offrire i prodotti necessari a questa esigenza nazionale: se gli operatori della sanità corrono il rischio, a causa dell'assenza di DPI, di contaminarsi il problema esiste, successivamente, anche sul piano delle forze in campo necessari a combattere la pandemia, condizionando pesantemente le possibilità di successo.

Grazie


16/03/2020 09:33:07


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie