i voti

Quanta classe Bartolomei, Mastinu nostalgie da trequartista

La Spezia - Scuffet 6 - Il colpo di testa di Morosini è troppo ravvicinato per pretendere miracoli. Bello vederlo quasi a centrocampo nel momento in cui il secondo gol è nell’aria.

Ferrer 6,5 - Gli scappa Morosini nell’azione del gol, ma come si fa a non registrare che lo Spezia la ribalta dalla sua fascia? (dal 43’st Vignali - sv )

Erlic 7 - Calmo e sicuro, fa il suo dovere facendolo anche sembrare semplice. Non è solo un muro, è anche disinvolto nel far girare la palla.

Capradossi 7 - Se Scamacca è l’astro nascente degli attaccanti azzurri, viene facile pensare che anche lui abbia la serie A già tatuata addosso.

Marchizza 6,5 - Gyasi lo aiuta a giocare meglio e il suo rendimento si impenna quando arriva il cambio tattico.

Bartolomei 8 - Con il piede delicato trova il varco che spalanca la porta dell’Ascoli per ben tre volte. Oggi è lui a tenere alto il vessillo nella carica.

Ricci M. 7 - Pura poesia vederlo duettare con il gemello con quel pallone sotto in area. Attira Troiano in una trappola che risulterà decisiva, poi stampa un tiro sulla traversa.

Mora 5,5 - Tanta confusione, troppi contrasti persi. Doveva essere uno dei più freschi invece è uno dei meno lucidi (dal 7’st Mastinu 7 - Porta lo Spezia più sotto l’area e poi si fa trovare per il colpo di testa decisivo)

Ricci F. 6,5 - Nel primo tempo è il più pericoloso, nel secondo anche ma finalmente in buona compagnia. Manca per un soffio un gol che sarebbe stato da cineteca.

Gyasi 7 - Anche da centrale scappa in avanti e allora lo Spezia perde i punti di riferimento. Poi da esterno trova gol e applausi. Deja-vu.

Bidaoui 5,5 - Nella sua puntura non c’è veleno questa sera. Atteso da Andreoni e raddoppiato metodicamente, gira a vuoto (dal 13’st Nzola 7 - La cifra per il riscatto sembra ogni giorno meno proibitiva)

All. Vincenzo Italiano 7 - Meno pressing e meno movimento, lo Spezia arriva alla fine del trittico un po’ stanco. Ma è anche il turnover a non funzionare a dovere. Gyasi punta non garantisce mobilità ma non funziona come punto di riferimento e allora la manovra si fa più prevedibile. Non punge neanche la catena mancina con Mora e Bidaoui e allora il possesso diventa preciso e anche autoritario, ma mai ficcante come nelle ultime uscite. I cambi però, almeno quanto l'uomo in più, cambiano la partita. Mastinu fa il trequartista, Gyasi a sinistra torna a fare tutta la fascia e infine Nzola armonizza la manovra con la sua presenza. Segnano questi tre non a caso.


15/02/2020 22:16:16


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie