riscatto

E ora il Picco lo chiama per nome: "Vincenzo! Vincenzo!"

Italiano ricorda gli inizi: "Gli insulti da dietro la panchina mi facevano male".

La Spezia - I cori ai giocatori sono ancora un miraggio. Però quello a Vincenzo Italiano è scattato spontaneo ad un certo punto, ed è cresciuto di bocca in bocca. “Dovete immaginare come sono stato nel periodo nero della squadra. Gli insulti che ricevevo dalla zona dietro la mia panchina, sapere che anche i miei ragazzi erano il bersaglio. Qualcosa che mi hanno fatto stare male. Io lo so che i tifosi vogliono subito i risultati, sono nel calcio da anni e non c'è niente che non capisco. In quei momenti volevo solo far cambiare idea a tutte quelle persone".
Ora è arrivato il momento in cui il Picco lo chiama per nome: Vincenzo! Vincenzo! "Oggi quel coro mi rende orgoglioso. Mi dicevano che qui gli allenatori vengono tritati, che è una piazza impossibile, che non c'è tempo per completare un progetto. Io mi sono messo a lavorare a testa bassa e oggi finalmente sono contento di vedere questo legame. La curva è quasi gremita, ormai gli spazi vuoti sono sempre meno. E questo rimane uno dei nostri obiettivi".


15/02/2020 22:00:54


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie