il gruppo in cima ai pensieri

"Il calcio è gruppo, non solo tecnica e tattica. Dico grazie ai miei ragazzi"

Italiano si coccola un gruppo che ancora una volta ha dimostrato di avere risorse mentali e tecniche. "Nel primo tempo prevedibili, poi le mezzali hanno preso campo".

La Spezia - “Vorrei ringraziare i ragazzi perché non immaginavo vederli in campo con questo atteggiamento, con questo spirito. Passare in svantaggio, vederli nello spogliatoio convinti di rimettere a posto la situazione. Chi entra fa gol, chi non gioca stimola i compagni. Questo è ciò che chiamo calcio. Non solo tecnica e tattica, ma coesione e gruppo unito. Fino a qualche tempo fa soffrivano per la situazione che non si metteva a posto e oggi sono felice per loro. Si meritano tutto questo”. Vincenzo Italiano ha pensiero solo per il gruppo quando si siede di fronte al microfono. Lo Spezia è secondo, rimonta e vince per la terza volta di seguito e continua in un percorso il cui limite, come si suol dire, è solo il cielo.

Non piega gli aquilotti neanche la pretattica di Stellone. L’Ascoli ha annunciato il 4-3-1-2 e poi... “Noi avevamo preparato due tipi di partite, una con il trequarti e con le due punte. Abbiamo ripassato quello che poteva succedere e abbiamo fatto bene. Stellone ha annunciato un sistema e fatto un altro e abbiamo dovuto correre ai ripari. Nel primo tempo eravamo prevedibili, arrivavano palloni troppo lenti in area. Poi nella ripresa con Ferrer e Bartolomei che arrivavano in fondo siamo riusciti a segnare. Prenderemo spunto anche da questo pomeriggio per migliorare”.

Sui cambi, che hanno ribaltato la gara almeno quanto l'espulsione di Troiano. “Nel momento in cui trovi una squadra che ti fa arrivare negli ultimi venti metri, le mezzali devono andare all’assalto. Bisogna riempire l’area dando una mano alla punta centrale e nel primo tempo l’abbiamo fatto poco. Poi la voglia di vincerla ti fa gettare il cuore oltre l’ostacolo”. Lo Spezia non si può più nascondere, in tante verranno a giocare senza scoprirsi da ora in poi. “Penso sia normale che alla terza partita in una settimana tu possa perdere un po’ di brillantezza. Abbiamo battuto tanti angoli, ma questo è un fondamentale che dobbiamo migliorare. Le partite non si vincono solo con le grandi giocate, basta una palla sporca o un rimpallo”.


15/02/2020 21:54:35


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie