Si inizia alla Beghi

'Capire il Corano' e una Libia tra militarismo e islamisti

Doppio appuntamento organizzato da Associazione Mediterraneo e Comune di Fosdinovo. Ad aprile atteso Luigi Manconi.

La Spezia - L’Assessorato alla Cultura del Comune di Fosdinovo e l’Associazione Culturale Mediterraneo della Spezia hanno concordato di avviare una collaborazione per organizzare un ciclo permanente di iniziative sul tema dell’esilio. "L’obbiettivo - spiegano Associazione e Assessorato - è contribuire ad una società interetnica ed interculturale fondata sulla convivenza solidale e sul dialogo tra etnie, culture e religioni diverse, di combattere il razzismo, di contrastare ostilità e pregiudizi". “Lo si può fare -sostengono l’Assessore alla Cultura del Comune di Fosdinovo Mario Amilcare Grassi ed il Presidente dell’Associazione Culturale Mediterraneo Giorgio Pagano- scommettendo sulla capacità di ciascuno di reagire alla paura con gli strumenti della conoscenza e della riflessione critica. Organizzeremo incontri, presentazioni di libri, spettacoli teatrali e musicali, proiezioni di film, coinvolgendo i cittadini e le scuole”.

Le prime due iniziative si terranno con il giornalista e scrittore libico Farid Adly, che sarà alla Spezia martedì 25 febbraio alle ore 17 all’Auditorium della Biblioteca Beghi (Via del Canaletto,94) ed a Fosdinovo mercoledì 26 febbraio alle ore 17 al Centro Sociale Palomar a Caniparola.
Alla Spezia Adly, introdotto da Giorgio Pagano, presenterà il libro “Capire il Corano”, una lettura chiara ed equilibrata del Corano per conoscere una “cultura altra” e darne un’interpretazione genuina, indirizzata ad isolare i fondamentalisti. Adly si confronterà con la Consulta Comunale delle Religioni e con tutti i cittadini interessati.
A Fosdinovo lo scrittore libico, introdotto da Mario Amilcare Grassi, affronterà il tema, attualissimo, “Tra militarismo e islamisti, la Libia rinascerà?”. Secondo Adly il rischio che corre la Libia è quello di “una nuova Somalia, senza alcuna prospettiva di uno Stato centrale, una guerra permanente, con una distruzione continua delle infrastrutture… quindi una strada senza ritorno per milioni di profughi che ci sono attualmente ai confini della Libia”. Secondo Adly non c’è alternativa, per ciò che riguarda il ruolo dell’Occidente, ad “una maggiore attenzione ad una concordia tra le parti libiche”.
Ai prossimi incontri del ciclo di iniziative, che si terranno il 16 aprile a Fosdinovo ed il 17 aprile alla Spezia, parteciperà il sociologo e scrittore Luigi Manconi.


17/02/2020 13:05:37


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie