un anno di attività

Boom di multe per i monopattini e mancato uso delle mascherine

Tempo di bilanci per la Polizia municipale della Spezia. Per effetto del lockdown calano gli incidenti stradali. Rimane alto il dato delle occupazioni abusive degli stalli per disabili. Aumentano i trattamenti sanitari obbligatori.

La Spezia - Il 2020 è stato l'anno delle violazioni a bordo dei monopattini, dell'occupazione indiscriminata degli stalli per disabili e dell'aumento dei trattamenti sanitari obbligatori. In riferimento poi ai vari Dpcm e alle rispettive sanzioni sono arrivate agli spezzini centinaia di multe tra spostamenti non consentiti, assembramenti e mancato uso delle protezioni. Questi sono solo alcuni dati messi in evidenza dal report della Polizia municipale, diffuso dal Comune della Spezia, in occasione 183° anniversario dalla costituzione del Corpo.

Incidenti stradali, circolazione. In un veloce sguardo sui numeri presentati, nelle sei pagine di report, emerge che sono calati drasticamente gli incidenti stradali che sono stati 816 (200 in meno rispetto all'anno precedente). Lo stesso vale per le violazioni al codice della Strada ma su 115 comportamenti irregolari, riconducibili ai velocipedi, 65 erano a bordo di un monopattino. I conducenti spesso sono stati scovati contromano per le strade.

Le violazioni legate ai Dpcm. Nell'anno della pandemia Covid 19 si inseriscono i controlli e le azioni imposte dai Dpcm che si sono tradotti, dal 25 marzo al 26 dicembre, in 289 sanzioni e rispettive denunce tra: spostamenti a piedi non consentiti (89), con veicolo (75), per assembramenti (30), per mancato uso delle mascherine (87) e a carico di persone che nonostante la positività al virus continuavano a circolare (3).
Nell'analisi dei dati si aggiungono anche le sanzioni e le chiusure di locali che non hanno rispettato le norme anti covid che hanno prodotto un totale di 87 sanzioni. In questo numero sono compresi: gli assembramenti davanti agli esercizi commerciali (30), le violazioni riguardo agli orari di chiusura e limiti temporali per le aperture (10), violazioni per l'emergenza pandemica nei mercati (27) e le chiusure amministrative di cinque giorni (5 dal 1 al 25 marzo, 20 dal 26 marzo al 26 dicembre).

Abbandono viecoli e ambiente. Nel 2020 è stato costante anche il lavoro sull'ambiente e all'abbandono veicoli. "Nonostante il prioritario impegno sul fronte del contrasto a comportamenti irregolari rispetto alle norme sull'emergenza pandemica crescono del 15% i relitti di veicoli rimossi e demoliti per l'intervento del Corpo di Polizia municipale- specifica una nota contenuta nel report -. Questo anche grazie alle segnalazioni dei cittadini che vivono l'abbandono di veicoli come uno spregio verso il decoro urbano. Calano le sanzioni per mancato rispetto delle regole sulla raccolta differenziata percependosi a seguito dei controlli espletati negli anni precedenti maggiore rispetto verso tali regole".

Sicurezza e alcol tra i più giovani. Nell'ambito della sicurezza, particolare attenzione è stata posta sulla diffusione dell'alcol ai minori. Nel report si legge: "Il Reparto Sicurezza è stato distolto per parte della propria attività dai controlli sull'emergenza Covid 19. Se quindi fisiologicamente alcuni dati dell'attività del Reparto sono in calo crescono comunque rispetto allo scorso anno i servizi di controllo nel quartiere Umbertino. Sono rilevanti gli esiti dei controlli sulla vendita degli alcolici non consentita o a minore, attuati nel contesto dei servizi notturni del fine settimana. Crescono le sanzioni a carico di gestori di negozi etnici in particolare per occupazioni abusive".

Occupazione abusiva degli stalli per disabili, utilizzo improprio dei pass. Tra i dati più negativi rimangono quelli degli stalli per disabili. Se i numeri sostanzialmente sono dimezzati rispetto all'anno scorso, per la minore circolazione dovuta alle disposizione anti Covid, sono state fatte comunque: 9 sanzioni per l'occupazione abusiva dei parcheggi dei disabili nelle aree sosta del centro commerciale Le Terrazze (70 nel 2019), lo stesso fenomeno ma nel resto degli stalli sul territorio comunale ha prodotto 306 sanzioni (nel 2019 erano state 755). A queste si aggiungono i 48 sequestri amministrativi per uso improprio del pass disabili, l'anno scorso erano state 76.
"Nonostante il calo del trend sanzionatorio - spiega la Municipale nel report - permane elevato il dato sanzionatorio per occupazione abusiva di stalli invalidi in relazione a standard di controllo elevati garantiti anche nel periodo dell'emergenza pandemica".
Aumento dei trattamenti sanitari obbligatori, sette in più rispetto al 2019. L'anno della pandemia lascia il segno soprattutto nelle realtà più fragili. La dimostrazione arriva dai numeri relativi ai trattamenti sanitari obbligatori. Nel report sono indicati 59 interventi con persone in stato di forte alterazione, nel 2019 erano stati 52 (leggi qui).
Il sindaco della Spezia e il neo assessore alla Sicurezza e Polizia Municipale analizzano quest'anno particolarmente impegnativo sotto tutti i fronti.
“Il 183esimo anniversario della costituzione del Corpo della Polizia Municipale quest’anno non potrà vedere la tradizionale festa a causa dell’emergenza Covid-19, ma ciò non significa che l’amministrazione dimentica il grande impegno e spirito di sacrificio con cui tutti gli agenti hanno profusamente lavorato, presidiando il territorio – dichiara il sindaco Pierluigi Peracchini –. A tutti gli agenti va il mio più sentito ringraziamento insieme a quello rivolto al Comandante Pagliai ormai in pensione da quasi un mese. Un dato importante e drammatico emerge dal report presentato dalla Polizia Locale le cui azioni si sono molto concentrate sull’affrontare l’emergenza: in particolare, sono aumentati gli interventi effettuati con personale sanitario per trattamenti sanitari obbligatori a carico di persone in stato di alterazione. Un dato drammatico che colpisce direttamente la nostra comunità, e che rivela quanto il lockdown e la pandemia non abbiano effetti solo il corpo, ma anche gli stati d’animo, non solo l’economia ma anche la parte più fragile dell’umanità".
"Questo dato ci obbliga a essere ancora più vicino, in ogni modo possibile, alle fasce più deboli e precarie della nostra comunità, con l’obiettivo di invertire questa rotta. I servizi per l’emergenza Covid – continua il sindaco Peracchini – hanno certamente rappresentato la parte più consistente dell’attività complessiva del Corpo, in particolare attraverso le attività quotidiane di controllo del territorio per prevenire comportamenti atti a favorire il contagio, ma anche attraverso pattugliamenti continui, giornalieri e notturni. Per quanto riguarda la sicurezza, sono continuamente cresciuti i servizi di controllo e sono stati rilevanti anche gli esiti degli stessi sulla vendita degli alcolici non consentita o a minori, soprattutto attuati nel contesto dei servizi notturni del fine settimana. In netto calo, sicuramente per gli effetti del lockdown sono stati i sinistri stradali e sono in calo anche le sanzioni per mancato rispetto delle regole sulla raccolta differenziata: ciò significa che nella cittadinanza vi è una maggiore attenzione e sensibilità al tema, cresciuta senza dubbio anche a seguito dei controlli e sanzioni degli anni precedenti".
"Vorrei ringraziare la grande sinergia continua con la Prefettura e tutte le Forze dell’Ordine, una collaborazione proficua che è la sola garanzia di maggiore sicurezza urbana insieme, senza dubbio, al grande supporto dei “nonni civici”, esempio meritorio di volontariato, e dei volontari dell’Associazione Nazionale Polizia di Stato a servizio nei parchi e nelle aree verdi - conclude il sindaco -. Nei prossimi mesi, con la completa ristrutturazione della nuova caserma della Polizia Municipale, avremo una nuova sede nell’ex edificio Pacinotti al massimo della tecnologia possibile che vedrà un importante incremento della qualità della vita lavorativa degli agenti e della qualità del servizio al cittadino. Un segnale importante, per la nostra Amministrazione, che ha sempre voluto mettere la sicurezza al primo posto nelle sue linee di mandato, consapevoli che una città più sicura è una città più vivibile per i suoi abitanti e più attrattiva per i turisti”.
“Tutto il personale del corpo – spiega l’assessore Filippo Ivani – ha profuso uno sforzo supplementare a causa di questa pandemia e ha visto tutti gli agenti impegnati a tutela e sicurezza dei cittadini. Solo 2 agenti ad esempio hanno usufruito dello smartworking, possibile anche per la tipologia di mansioni svolte, tutto il resto del personale è rimasto in servizio attivo presidiando il territorio. I numeri del 2020 dimostrano quanto sia stata intesa l’attività svola dagli agenti che non hanno tralasciato alcun servizio seppur coinvolti principalmente in azioni volti al rispetto delle norme di comportamento per contenere la pandemia. Alcuni dati significativi: sono stati fatti molti controlli sulle attività commerciali a seguito dei quali si è appurato che principalmente gli esercizi commerciali etnici non hanno ben recepito le prescrizioni. Questo dato è importante perché intanto ci conforta da un punto di vista perché la maggior parte dei negozianti ha rispetto e fatto rispettare le regole imposte e dall’altro ci fa comprendere che è ancora necessario un percorso di integrazione per i negozianti etnici che spesso non sono puntuali nel rispetto delle normative soprattutto sulla vendita di alcolici ai minorenni. E proprio sull’uso di alcol e droga, ho chiesto al Prefetto che non appena possibile si riprenda l’attività di monitoraggio per guida in stato di ebbrezza che purtroppo a causa del Covid ha visto maggiori difficoltà visto che non è possibile, al momento l’utilizzo del test rapido. I controlli effettuati comunque hanno visto una flessione di tale reato dovuto anche ai minori volumi di traffico. Anche l’incidentalità infatti è calata seppur il dato resti abbastanza alto. Significative anche le 84 sanzioni per l’uso del cellulare alla guida spesso una delle principali causa di incidenti. Non sono violazioni facili da individuare e questo dimostra l’impegno dei nostri agenti ai quali va la mia personale gratitudine.”


19/01/2021 19:40:12


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie