Un'idea della cooperativa di comunità

La Val di Vara si propone come "smart working valley"

Cinque Terre - Val di Vara - La cooperativa di comunità Vara, attenta alle soluzioni innovative capaci di aiutare il territorio a uscire dalla crisi, lancia la proposta di far diventare la Val di Vara attrattiva per chi vuole svolgere lo smart working in tranquillità e sicurezza. Lontani dal caos delle città, immersi nel verde e nella tranquillità, senza rischi di assembramenti, nello stesso tempo a mezz’ora di distanza massima dai servizi più importanti e da luoghi estremamente attrattivi, i borghi possono rappresentare un’idea per gli smart workers che vogliano svolgere il proprio lavoro nel condizioni migliori evitando i rischi fisici e psicologici legati a tale situazione lavorativa. Affitti agevolati delle abitazioni (naturalmente per periodi di pochi mesi), servizi facilmente fruibili come baby sitter, esperienze turistiche, insegnanti, medici, supporto per i lavori domestici, trasporti: sarebbe davvero l’attuazione dei principi della cooperazione di comunità. Occorrerà partire a sperimentare da aree coperte da un buon segnale anche se il progetto potrebbe rappresentare un’occasione per spingere sul potenziamento delle infrastrutture digitali, anche con l’uso di finanziamenti europei, nazionali o regionali. All’inizio sarebbe la stessa cooperativa ad occuparsi di predisporre le reti per le abitazioni con le quali collabora. Senza dimenticare che la rete è il requisito di base per lo sviluppo di molti servizi, non ultimo quelli della sanità la cui territorializzazione è un percorso ormai ineludibile.

“E’ un progetto a cui stiamo lavorando da mesi guardando anche alle esperienze già avviate, ad esempio, in Toscana – dichiara il presidente Roberto Pomo - e la sua attuazione non è semplice. Vale la pena però provare a porci tra i territori all’avanguardia del Paese. Certamente deve essere un progetto di tutta la provincia, tenendo conto che l’accelerazione del processo di smart apre la possibilità di avvicinare al nostro territorio strutture di vertici di importanti aziende. Ci faremo carico di presentare progetti specifici ai Comuni”.


22/10/2020 09:45:42


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie