ECOSISTEMA E ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

Bosco sostenibile, gli studenti sarzanesi inseriti in un progetto di mitigazione climatica

Sarzana - Val di Magra - La sfida ai cambiamenti climatici passa anche dall’Istituto Parentucelli-Arzelà. La scuola superiore di Sarzana è entrata a far parte di un progetto europeo riguardante la simulazione della corretta conduzione del bosco, mettendo sotto la lente di ingrandimento come una foresta gestita in modo sostenibile può migliorare la capacità di assorbire carbonio, contribuendo alla creazione di nuove opportunità di lavoro. Il nome del progetto è MADAMES-AX, acronimo tradotto di ‘Ottimizzazione dei benefici climatici e della sostenibilità economica della silvicoltura con l'approccio Madames - Mitigazione e analisi di adattamento per i servizi ecosistemici del Mediterraneo’. Lo ha sperimentato e verificato per la prima volta in Italia, l’Emilia-Romagna, nell’area forestale certificata gestita dal Consorzio Agro-Forestale dei Comunelli di Ferriere in provincia di Piacenza.

In questo contesto due quarte classi dell’Istituto Parentucelli Arzelà, una d’indirizzo agrario e l’altra dello scientifico 3.0 (la curvatura informatica), hanno partecipato alle fasi divulgative per comprendere, attraverso la creatività e le idee innovative dei ragazzi, il significato e la funzione dei servizi ecosistemici. Gli studenti, guidati dai docenti Monica Pellegrinelli e Riccardo Simonelli, hanno poi seguito passo per passo le fasi creative e di analisi dei risultati. “E’ per noi motivo di orgoglio - osservano i due docenti - essere stati inseriti in un così importante ed innovativo progetto di green economy. Le sfide economiche ed ambientali che ci attendono nel futuro, saranno vinte solo se il concetto di sostenibilità diverrà centrale in ogni organizzazione”.

E aggiungono: “Il modello di simulazione applicato dal progetto consente di valutare quanto una foresta sia in grado di mitigare il cambiamento climatico attuale, ovvero la sua efficienza nel sequestrare carbonio da parte degli alberi che la compongono e su quanto saranno in grado di immagazzinarne nel prossimo futuro, visto il cambiamento climatico in atto”. Per i ragazzi del Parentucelli Arzelà è stato importante capire ed osservare come le diverse alte professionalità coinvolte in MADAMES-AX siano riuscite a creare opportunità economiche partendo dalla difesa attiva della natura. Il loro apporto è stato così apprezzato che i partners del progetto hanno deciso di convenzionarsi con la scuola di Sarzana e offrire possibilità di alternanza scuola-lavoro, attualmente a distanza e speriamo al più presto con attività in presenza.
“Il nostro Istituto – sottolineano ancora Pellegrinelli e Simonelli - è focalizzato su iniziative di carattere ambientale, grazie all’impulso del dirigente Generoso Cardinale, grazie ai suggerimenti e alle esperienze nella tutela e la valorizzazione dell’ambiente del prof Massimo Caleo”.

MADAMES-AX è coordinato da Meeo srl (azienda di Osservazione meteorologica ambientale della Terra) insieme alla Fondazione Cmcc (Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici) e al Pefc Italia (Il Programma di Valutazione degli schemi di certificazione forestale). Il progetto è stato finanziato da Eit (Istituto Europeo di Innovazione e Tecnologia), nell'ambito della comunità dell'innovazione Climate-Kic, applicando uno strumento informatico, realizzato dalla Fondazione Cmcc, che simula le dinamiche forestali. L'obiettivo è quello di stimare il valore dei servizi ecosistemici del bosco, proprio a partire dalla capacità di assorbire CO2, contrastando il cambiamento climatico ma anche il rischio idrogeologico.


22/01/2021 09:35:30


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie