in accordo con il Pd provinciale di Massa Carrara

Rossi non è più commissario per il ponte di Albiano. Il Pd di Aulla vuole il sindaco Valettini

E domani alle 18.30 il consiglio comunale aullese tratterà delle rampe autostradali.

Lunigiana - Enrico Rossi, ex governatore della Toscana, non è più il commissario straordinario per la ricostruzione del ponte di Albiano Magra crollato lo scorso 8 aprile. Il suo ruolo, infatti, era legato alla presidenza della Regione. A questo proposito a intervenire adesso è il Pd di Aulla che chiede, insieme al Pd provinciale e senza mezzi termini, che il ruolo di commissario passi al sindaco Roberto Valettini.
"Il Partito Democratico di Aulla – scrivono i dem in una nota – a seguito del dissequestro avvenuto, in data 8 ottobre, anche se per il momento solo ai fini della messa in sicurezza, delle macerie del ponte di Albiano, auspica e sollecita in maniera forte gli enti preposti ad espletare in tempi rapidi tutti gli adempimenti necessari, propedeutici alla attività di rimozione delle macerie stesse, e alla redazione del progetto esecutivo del ponte. Ci aspettiamo quindi nei prossimi giorni, oltre ai già pianificati carotaggi, l’avvio della cantierizzazione della demolizione del ponte da parte di Anas. Il progetto definitivo del ponte è infatti ormai individuato, con un tracciato che partendo dall’attuale imbocco lato Albiano terminerà a monte dell’attuale incrocio in modo tale da permettere la realizzazione e rimodulazione dell’attuale viabilità di innesto attraverso una rotonda, senza passare attraverso la demolizione della vecchia stazione, e quindi ulteriormente semplificando ed accorciando i tempi di realizzazione".

"Tutto questo – aggiungono i dem – in attesa che nei prossimi giorni il Consiglio Superiore delle Opere Pubbliche si esprima sul progetto delle rampe sulla A15, per porre fine ad una estenuante fase di attesa, in cui il nostro territorio è rimasto prigioniero per oltre 6 mesi da lentezze burocratiche, di difficile comprensione per il cittadino comune, lentezze che ora ci aspettiamo terminate, per passare ad una fase operativa auspicabilmente rapida, ma soprattutto con tempi certi. Per fare questo riteniamo peraltro necessario, in questa fase cruciale, un salto di qualità nel coordinamento delle attività tra i vari soggetti coinvolti, attività che oggi vedono come ruolo centrale quello del Commissario, ma che vede il coinvolgimento di Ministero delle infrastrutture, Anas, Salt, Regione Toscana e enti locali, in particolare il Comune di Aulla".

"In tal senso – evidenzia il Pd – la presenza nella cabina di regia del Comune di Aulla nella figura del sindaco, che in questi mesi è stato costantemente in prima linea nella gestione dell’emergenza, potrebbe costituire un riferimento forte e concreto legato al territorio e un elemento fondamentale a garanzia della massima operatività, con l’obiettivo di accorciare i tempi di realizzazione delle opere sia rampe che ponte, a tutela sia della comunità di Albiano che di tutti i cittadini che risentono oggi dei gravi disagi legati alla mancanza del transito del ponte. Questa valutazione assume oggi ulteriore significato collocandosi in una fase di possibile avvicendamento, se confermato, ai vertici della gestione commissariale. In tale scenario riteniamo che il ruolo di commissario dovrebbe essere riconosciuto al sindaco di Aulla a ulteriore garanzia di continuità nell’operatività della gestione dell’emergenza. Il Pd di Aulla, di concerto ed in accordo con il Pd Provinciale di Massa-Carrara, si farà portavoce di tale istanza nelle opportune sedi istituzionali".

Intanto domani alle 18.30 il Consiglio comunale di Aulla si riunirà per discutere proprio del ponte di Albiano e della costruzione delle rampe sulla A15.




14/10/2020 21:00:18


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie