Il monito

Toti: "Mi aspetto che la Liguria resti in zona gialla"

Il presidente ligure commenta la situazione e prannuncia la sua opinione su un eventuale cambio di colore per il semaforo della sanità ligure.

Liguria - Il presidente ligure Giovanni Toti ha illustrato la sua opinione su quella che sarà la nuova ordinanza del ministro della Salute Speranza che potrebbe cambiare i colori del semaforo Italia in diretta Facebook al termine di questa domenica 8 novembre 2020. “Siccome dicono che le decisioni vengono prese in base ai dati scientifici, senza alcun giudizio politico se non quello tecnico degli scienziati, mi aspetto che la Liguria rimanga in zona gialla: se lo era ieri, un base agli stessi dati lo sarà anche domani”, ha dichiarato.

Secondo Toti l’ultimo report dell’Istituto superiore di sanità ha restituito gli stessi parametri del precedente, in base al quale per la Liguria si era accesa la luce gialla. “Abbiamo un Rt è 1,38 – ha spiegato il presidente – e il report dice che tutti i dati sono di qualità ‘verde’, non c’è neanche un parametro che non abbia qualità e affidabilità”.

“Nessuno nega che gli ospedali siano in sofferenza. Il problema vero non è la mancanza di spazio, ma la mancanza di personale. Per aprire nuovi letti Covid e far assistere quei malati servono medici, pneumologi, internisti, rianimatori, anestesisti, infermieri e operatori sanitari. Quindi abbiamo bisogno di chiedere al personale degli altri reparti di dare una mano”, ha proseguito Toti. Nelle prossime ore è attesa la decisione della cabina di regia. “Non è una gara a chi è più bravo, a promuovere o bocciare”.


08/11/2020 20:43:16


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie