appello al sindaco

Più Europa: "Peracchini chieda di reintrodurre il distanziamento sui mezzi pubblici"

Liguria - "Dopo settimane in cui le parole rassicuranti del sindaco Peracchini sono state seguite dalle improvvide invettive di Toti contro la chiusura delle discoteche e, ciliegina sulla torta, dall’autorizzazione regionale alla partecipazione dei fedeli al culto nelle chiese, ecco che ieri, dopo aver preso finalmente atto della crescita esponenziale dei malati di covid e dei
ricoverati nello Spezzino, Toti ha emesso l’ordinanza che prescrive l’uso della mascherina h24, sia all’aperto che al chiuso. Poco ci importa se i cluster nella provincia siano dovuti alle abitudini della comunità domenicana di incontrarsi e ballare nei loro luoghi di ritrovo (ma non era Toti contrario alla chiusura delle sale da ballo?), o ad altre motivazioni; ci farebbe piacere che Peracchini chiedesse, almeno per la nostra provincia, di reintrodurre il distanziamento sui mezzi pubblici". La richiesta arriva dal coordinamento del gruppo Più Europa Più La Spezia, che aggiunge: "Le scuole fra una settimana riapriranno, e riteniamo doveroso che il sindaco solleciti la Regione, da cui dipende il tpl, affinché siano prese tutte le misure atte a salvaguardare la salute della popolazione. Pensare che dal quattordici settembre sui bus e sui treni possano trovarsi a distanza ravvicinata studenti, lavoratori e turisti, non ci fa dormire sonni tranquilli; ci auguriamo pertanto che il primo cittadino colga lo spunto per richiedere e metter in atto al più presto e senza esitazione tutti i dispositivi che buon senso e la scienza richiedono per contenere l’epidemia in atto".


06/09/2020 19:18:33


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie