Bonus agli operatori sanitari, domani il passo definitivo

Liguria - Stamane in commissione sanità sono state approvate le integrazioni economiche agli operatori sanitari per la gestione dell’emergenza covid. "La proposta di legge- spiega in una nota Linea condivisa - parte dall’attribuzione di 6,7 milioni di euro da parte del governo, a cui si aggiungono 5,6 milioni da ulteriori decreti governativi e altri 9,2 milioni resi disponibili da Regione Liguria dopo la trattativa con i sindacati e su spinta delle forze politiche. Somma, quest’ultima, ritenuta insufficiente dalle parti sociali, ma che contribuisce a portare il totale a circa 21 milioni".

"La questione ha incontrato complessità a carattere giuridico e ha dovuto fare i conti con i rilievi della ragioneria centrale. La trasformazione in legge del provvedimento è un passo sostanziale per appianare gli ostacoli, insieme a un’interpretazione univoca dei ministeri che eviti futuri contenziosi –dichiara il capogruppo di Linea Condivisa Gianni Pastorino, vicepresidente della commissione sanità -.Come Linea Condivisa abbiamo lavorato a favore della discussione e dell’approvazione in commissione. La PdL andrà al voto finale domani in consiglio regionale. Rappresenterà la certificazione definitiva dell’impegno profuso dagli operatori sanitari durante i mesi della pandemia".

«Noi restiamo comunque dell’avviso che occorra una profonda riorganizzazione della sanità regionale: garantire il primato della gestione pubblica. E, nel caso specifico, il rispetto delle normative di riferimento sui contratti, che sono di competenza delle organizzazioni sindacali e dell’amministrazione, ma su cui la politica deve sempre vigilare –conclude Pastorino -.Bisogna costruire un pensiero che valorizzi la categoria sanitaria come un tutt’uno, riconoscendo tanto il profilo professionale quanto quello economico. Stiamo parlando di medici, infermieri, tecnici e oss che, come si è dimostrato in questi ultimi mesi, rappresentano un patrimonio da tutelare e consolidare».

"La Giunta regionale e tutti i consiglieri all'unanimità hanno approvato oggi in Commissione una proposta di legge per porre rimedio all'ennesimo pasticcio del Governo, con il decreto Cura Italia che la Ragioneria dello Stato ha interpretato in modo diverso da come ritenuto dalla maggioranza delle Regioni: mentre la Ragioneria ha imposto un tetto massimo, le Regioni hanno ritenuto di poter stanziare le maggiori risorse disponibili con propri fondi a favore dei lavoratori. Si tratta di una precisazione indispensabile a fronte della nota diffusa dal consigliere Pastorino. Ringrazio i consiglieri di maggioranza e opposizione: è importante che questa legge venga approvata senza divisioni in modo da poter attribuire quanto prima al personale impegnato in prima linea il giusto riconoscimento per lo straordinario lavoro svolto". Questo invece il commento della vice presidente e assessore alla Sanità di Regione Liguria Sonia Viale in merito all'approvazione all'unanimità in Commissione della proposta di legge che domani sarà sottoposta al vaglio del Consiglio per il riconoscimento dei premi per complessivi 21 milioni di euro (di cui oltre 9 milioni stanziati dalla Regione) al personale sanitario impegnato durante la pandemia da Covid-19.



27/07/2020 18:06:35


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie