"la cittadinanza deve sapere"

Emergenza Covid, Melley e Centi chiedono di accedere agli atti

Dopo che i servizi sanitari comunali hanno risposto di "non avere nulla in mano", i consiglieri di LeAli a Spezia non demordono: "Peracchini renda pubblici i dati: sinora queste informazioni non sono state fornite in maniera chiara e trasparente".

La Spezia - "Abbiamo fatto una richiesta formale di accesso agli atti per acquisire tutti i dati, i report medico-scientifici, le comunicazioni intercorse tra Comune, Asl e Regione dal primo luglio al 15 settembre riguardanti la nuova emergenza sanitaria ed in particolare le cause del focolaio registrato in città, che ha portato alla “famigerata” ordinanza di Toti di delimitazione delle attività sociali nel quartiere Umbertino, di obbligo delle mascherine h 24 e di rinvio dell’apertura delle scuole". Così Guido Melley e Roberto Centi vogliono vederci chiaro: “Volevamo avere tutti gli elementi di analisi correlati alla ripresa del virus a partire da agosto. Informazioni che sino ad oggi non sono state fornite in maniera chiara e trasparente dal Sindaco e dalle altre Autorità sanitarie e di pubblica sicurezza. Oggi riceviamo una nota dai servizi sociali e sanitari del Comune che attesta di non avere nulla di nulla in mano. A questo punto facciamo pubblicamente al sindaco alcune semplici domande. Esistono o no dati e comunicazioni da parte di Asl, Alisa e Regione a suffragio delle decisioni prese oppure il Comune ha avallato supinamente le direttive emanate in prima persona da Toti? Se questa documentazione esiste, chi la conserva gelosamente e quando e come sarà consegnata a noi consiglieri comunali e resa nota una volta per tutte alla cittadinanza?"

25/09/2020 15:04:34


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie