“sicurezza per lavoratori ed utenti”

Grande distribuzione, i sindacati tornano a chiedere rispetto per le normative anti-Covid

Cgil, Cisl, Uil dopo l'incontro in Prefettura con i protagonisti della gdo, ripetono il lungo elenco di cose da fare: "Servizio essenziale alla popolazione, strutture garantiscano sicurezza".

La Spezia - “Ringraziamo sua eccellenza il Prefetto Maria Luisa Inversini per la sensibilità al tema della sicurezza nei punti vendita e per aver predisposto l’incontro tra sindacati ed organizzazioni datoriali della grande distribuzione. Un incontro che ha segnato un clima positivo, ma al contempo rimangono aperte una serie di questioni essenziali per garantire salute e sicurezza di lavoratori ed utenti". Non hanno nessuna intenzione di abbassare la guardia i delegati Luca Comiti, Filcams Cgil, Mirko Talamone, Fisascat Cisl e Marco Callegari, Uiltucs Uil, che già in passato avevano fatto presente situazioni che non andavano nella direzione auspicata. E ora ribadiscono la necessità di interventi che vadano nella direzione della piena sicurezza sia per quel che riguarda i lavoratori che gli utenti: "Come sindacati, così come previsto dai protocolli nazionali siglati con il governo, chiediamo l’applicazione all’interno di tutti i punti vendita della media e grande distribuzione, alimentare e non della Provincia, misure di contenimento e di sicurezza per i lavoratori ed i cittadini:
contingentamento dei clienti all’entrata in base al numero previsto dalla metratura del punto di vendita e relativo controllo della corretta applicazione metratura e numero di clienti; controllo del contingentamento da parte di personale specializzato o mezzi meccanici (conta persone)".

La lista degli accorgimenti è lunga ma necessaria: "Non utilizzare il numero di scontrini medi giornalieri per contare le presenze nel punto di vendita. Entrata nel punto di vendita di una persona per carrello o cestino escluso casi particolari (bambini e invalidi). Misurare la temperatura a tutto il personale e alla clientela in entrata e provvedere ad uno screening periodico dei lavoratori. Presenza dei prodotti sanificanti e obbligo dei guanti monouso nei reparti dove si toccano le merci. Controllo degli assembramenti alle casse tradizionali, self, banchi serviti (rispetto della distanza di sicurezza 1 metro minimo). Sanificazione periodica dei locali comuni utilizzati dai dipendenti (spogliatoi etc). Il rispetto di queste procedure garantisce la sicurezza per tutti ed al contempo consente alle strutture di poter continuare a funzionare, rendendo un servizio essenziale alla popolazione".


06/11/2020 11:57:45


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie