INDAGINE LAMPO

I carabinieri arrestano alla Spezia un latitante di ‘ndrangheta

Tutto è partito da una denuncia per minacce legata al mondo dello spaccio di stupefacenti. L'indagine lampo si è conclusa a casa di un parente dell'arrestato.

La Spezia - La denuncia di uno spezzino coinvolto in una vicenda di droga e minacciato da “tre calabresi” di morte per una partita di droga non pagata, ha consentito ai Carabinieri del Comando Provinciale della Spezia, nell’arco di una nottata, di far chiara luce sull'intera vicenda e giungere all'identificazione degli autori della minaccia estorsiva alla base dell’operazione portata a termine stamane dai militari del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo e del Norm della Compagnia.
I militari hanno cercato nella tarda serata di ieri di intercettare e bloccare gli autori della richiesta estorsiva mentre si recavano a prelevare dalla vittima il denaro pattuito. I due però sono stati scaltri nel cambiare il luogo dell’incontro prima che i militari potessero intervenire e sono riusciti a fuggire. Il terzo però che stava assistendo alla scena dalla finestra di un appartamento di Corso Nazionale, ha attirato l’attenzione degli investigatori i quali, incrociato lo sguardo dell’uomo, vedendolo spostarsi repentinamente dal davanzale, si sono precipitati nel palazzo a bloccarlo.
Il primo dei tre arrestati è un uomo di 49 anni che, oltre ad aver preso parte al reato in questione, deve scontare un residuo pena di 2 mesi e 24 gg di reclusione per 416-bis. L'uomo risulta coinvolto in un'altra operazione contro la ‘ndrangheta sul territorio nazionale, e risulta, stando alle indagini dei Carabinieri, affiliato alla articolazione locale denominata “Società di Rosarno” e condannato in via definitiva a 4 anni e 8 mesi per 416-bis.
Gli altri due, un amico e il figlio del primo arrestato, sono stati fermati a casa dello zio, imparentato con il 49enne, sul quale i Carabinieri della Spezia hanno indagato dopo l’omicidio di Antonietta Romeo nell’agosto del 2014. Proprio nel corso di quell’attività venne alla luce il rapporto di parentela con l'uomo arrestato e che ha consentito oggi agli investigatori di risalire al luogo ove i due estorsori potevano aver trovato rifugio dopo la fuga nella notte.
Tutta l’attività è stata coordinata dalla Procura della Repubblica della Spezia.


20/07/2016 13:33:19


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie