Sarà ricostruito

Via Biassa, palazzo verso la demolizione. Sorgeranno sette alloggi per turisti

Approvato il progetto per la ricostruzione di un edificio fatiscente a pochi metri da Piazza Beverini. Realizzano l'intervento Franco Bucchioni e Marco Costa.

La Spezia - Uno dei cuori della città si prepara a cambiare volto, almeno in parte. Parliamo di Piazza Beverini, per secoli vero e proprio fulcro della vita cittadina, sulla quale si fronteggiavano Palazzo civico e l'allora cattedrale di Santa Maria Assunta. Le bombe della Seconda guerra mondiale hanno fatto scempio degli edifici, cancellando la facciata della chiesa e Palazzo Cenere, il municipio degli spezzini sino a quel momento, portando così la piazza all'attuale fisionomia.

Nel prossimo futuro un altro dei pezzi di quella città che fu cambierà sembianze. Si tratta del palazzo di sei piani da tempo oscurato dai ponteggi che si trova in Via Biassa, all'inizio del tratto che conduce in Via del Prione. Un edificio che da anni si trova in stato di abbandono, adiacente a un'altra emergenza del centro storico, quel palazzo della famiglia De Nobili impraticabile da decenni e chiuso con un poco decoroso catenaccio.
I sei piani della costruzione, che si trova al civico numero 95 e che è di proprietà dell'assicuratore Franco Bucchioni e dell'edile Marco Costa, saranno demoliti e ricostruiti ex novo così come prevede la proposta di convenzione approvata nei giorni scorsi dalla giunta comunale della Spezia.
Il documento fa riferimento a un progetto di demolizione del fabbricato esistente e ricostruzione, senza incremento volumetrico, di un edificio disposto su sei piani e un livello sottotetto a funzione residenziale, per un volume di 1.563,39 metri cubi contro i 2.138,30 metri cubi consentiti con riferimento al volume ponderale esistente, senza quindi l’applicazione dell’incremento volumetrico stabilito dal Piano casa della Regione.

"Ci siamo aggiudicati lo stabile all'asta circa un anno fa - spiegano Bucchioni e Costa a CDS - con l'obiettivo di creare qualcosa di bello nel centro della città. Ci siamo rivolti all'architetto Caterina Pegazzano e abbiamo presentato la richiesta di autorizzazione alcuni mesi fa agli uffici comunali. Ora abbiamo l'ok al progetto e procederemo alla demolizione e alla ricostruzione totale dell'edificio. Ricaveremo sette mini appartamenti da mettere in affitto per brevi periodi, in ossequio alla vocazione turistica della città. L'operazione sarà molto onerosa, ma siamo decisi ad andare sino in fondo".


11/04/2019 22:40:12


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie