Diocesi

Quei sacerdoti spezzini portati via dal virus

Una messa per i don che se ne sono andati dopo aver contratto il Covid-19. Nell'omelia del vescovo i ritratti e le storie dei religiosi scomparsi.

La Spezia - Sono stati quattro i sacerdoti diocesani della Spezia – Sarzana – Brugnato morti nel mese di marzo, nel corso della fase più acuta dell’emergenza Covid–19. Don Piergiovanni Devoto, spentosi all’ospedale della Spezia il 21 marzo; don Nilo Gando, morto il 24 marzo; don Giovanni Tassano, parroco di Pitelli, Muggiano e Ruffino, morto a Sestri Levante il 28 marzo; ed infine il canonico don Franco Sciaccaluga, deceduto alla Spezia il 31 marzo. Per loro, già tutti mediamente anziani, contrarre il coronavirus è stato fatale. In quei drammatici giorni non era stato possibile celebrare le esequie in forma adeguata, con la presenza dei confratelli e dei fedeli. Il vescovo Luigi Ernesto Palletti ha quindi ritenuto di convocare tutto il clero diocesano per concelebrare venerdì scorso, nella cattedrale di Cristo Re alla Spezia, una Messa di suffragio per i quattro confratelli defunti.

Il senso della cerimonia – alla quale ne seguiranno altre nelle singole parrocchie dei quattro sacerdoti – è stato spiegato dal vescovo nella sua omelia. Monsignor Palletti ha anche ricordato ciascuno dei quattro sacerdoti, rilevando come l’insieme delle caratteristiche salienti della loro vita costituisca quasi un mosaico provvidenziale di stimolo e di impegno per tutti. «Don Piergiovanni Devoto – ha detto il vescovo – tutti lo abbiamo conosciuto, tutti lo abbiamo incontrato, a tutti, sono certo, ha detto qualche volta: che forma è questo verbo ? Era una sua caratteristica, di esperto nelle lingue antiche. Ma anche un ricordo forte che il Signore fa passare attraverso questo presbitero ad accostarsi alla Scrittura in modo autentico, in quel modo di risuonare vero della Parola. Se poi guardo a don Nilo, anche lui, con le sue caratteristiche: quanto amore per la liturgia! Era proprio fermo sulla liturgia, scriveva, faceva, trafficava, a volte “a modo di don Nilo”. Però, che richiamo forte! Il Signore sembra dirci: e tu, la tua liturgia, dove l’hai messa?». Monsignor Palletti, proseguendo, ha quindi ricordato gli altri due sacerdoti: «Se guardiamo don Franco, beh, è innegabile: in lui la lode era parte della sua esistenza, il cantare, l’amore per la musica, ma non la musica per la musica, bensì la musica per la lode del Signore. Anche questo è un richiamo forte. Se poi guardiamo infine a don Giovanni, qui è molto semplice: don Giovanni non “faceva” la missione, lui “era” la missione. Per Giovanni la missione è un tutt’uno: dovrebbe esserlo per tutti, ma per lui lo è stata in pienezza. In lui il Signore ci ha fatto ricordare che la Chiesa non ha un senso pieno se non è missionaria».


25/07/2020 18:32:37


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie