Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 16 Settembre - ore 21.28

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Edilizia spezzina: "Persi 1.600 posti di lavoro in dieci anni"

Il presidente Ance Mario Gerini: "Basta discussioni sterili, la politica assuma decisioni nell'interesse generale".

Costruzioni in crisi
Edilizia spezzina: "Persi 1.600 posti di lavoro in dieci anni"

La Spezia - Notevole partecipazione stamani alla sala convegni di Teleliguriasud al convegno 'Decreto Sblocca cantieri: le misure di interesse - Per il settore delle costruzioni', organizzato da Ance Confindustria La Spezia. L’incontro che ha visto la collaborazione dell’Ordine degli Architetti, Collegio dei Geometri e Ordine degli Ingegneri, è stato l’occasione per approfondire il nuovo quadro normativo sui lavori pubblici conseguente all’entrata in vigore del cosiddetto decreto Sblocca Cantieri. Dopo l’introduzione del Presidente di Ance Mario Gerini, si sono alternati nell’illustrazione gli avvocati Pierluigi Piselli, Giulio Nardelli e Giuseppe Imbergamo dello Studio Piselli & Partners di Roma, che già lo scorso anno hanno tenuto per Ance un ciclo di seminari sempre in tema di appalti pubblici. Oltre a molte imprese associate e liberi professionisti erano rappresentate quasi tutte le amministrazioni locali, oltre a molti rappresentanti di enti appaltanti che a vario titolo hanno competenze in ambito provinciale.

L’introduzione del presidente Gerini è stata l’occasione per ribadire quanto già denunciato in merito aglli effetti della crisi nello Spezzino. “In un decennio hanno chiuso 344 aziende e 1600 lavoratori hanno perso il lavoro”, ha spiegato il presidente Ance, che non si è limitato alla mera analisi della situazione ma in sintesi ha illustrato quali sono le necessità dell’intero settore. “Le amministrazioni locali sono chiamate svolgere un ruolo di stimolo e aiuto alla ripresa economica della provincia, ovviamente nel rispetto delle leggi e dei regolamenti – ha affermato – e la politica deve svolgere il compito più nobile a essa attribuito: attivare le iniziative ed assumere le decisioni nell’interesse generale. Le amministrazioni locali devono avere la capacità di valutare quali siano i benefici in termini di lavoro ed occupazione che nell’immediato la realizzazione di un’opera pubblica o di un’iniziativa privata possano portare. Per gli imprenditori edili non è più tempo per discussioni sterili, perché l’economia locale, gli operai e le imprese del settore hanno bisogno di risposte concrete. In tempi molto brevi pertanto occorre passare dalla programmazione all’apertura dei cantieri”.

Per Ance, in una situazione come quella attuale che può portare all’acuirsi di tensioni anche di natura sociale, “è indispensabile che la ricchezza che si crea tramite il territorio ricada in gran parte su di esso, coinvolgendo tutta la filiera delle costruzioni partendo dal mondo della libera professione”. Gerini ha evidenziato con forza come l’associazione non metta in discussione “il principio del libero mercato, ma ritiene che in tale ambito vi possano essere margini per salvaguardare, nel frattempo, i legittimi interessi degli appaltatori di opere pubbliche e degli operatori immobiliari; ciò nella logica della tutela dell’imprescindibile interesse della pubblica amministrazione e della collettività locale più in generale”.
Il presidente ha chiuso la sua introduzione presentando in anteprima la campagna di sensibilizzazione per ribadire l’importanza economica e sociale dell’investire nel settore edile, che verrà attivata nelle prossime settimane con la collaborazione di Ordini, Collegi e Associazioni rappresentativi della filiera delle costruzioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ance a convegno Archivio CdS


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News