Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 27 Maggio - ore 10.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

I beni mafiosi nel territorio spezzino, se ne parla allo Spazio 32

Il secondo incontro a cura del Coordinamento Libera mercoledì 26 aprile con Marco Antonelli.

I beni mafiosi nel territorio spezzino, se ne parla allo Spazio 32

La Spezia - Dopo il successo del primo incontro dedicato alla storia della mafia sul nostro territorio, Spazio 32 prosegue la programmazione sul tema della criminalità organizzata con il secondo appuntamento a cura di Libera la Spezia, mercoledì 26 aprile alle ore 18.00: “I beni mafiosi confiscati e sequestrati: come le organizzazioni criminali hanno investito alla Spezia”. Interverrà all’incontro Marco Antonelli, tutor e project manager del Master in “Analisi, prevenzione e contrasto della criminalità organizzata e della corruzione” dell’Università di Pisa e referente di Libera La Spezia, il coordinamento delle associazioni impegnate nella lotta alle mafie e nella promozione della cultura della legalità. Dialogherà con lui Elena Zamperini, responsabile della segreteria di Libera La Spezia e membro del presidio “Dario Capolicchio”, attivo a Sarzana dal 2009.
“Non esiste più il mafioso con la coppola e la lupara, adesso i mafiosi hanno giacca e cravatta, e investono in borsa”, si sente spesso affermare. Ma è davvero così? Per provare a rispondere a questa domanda saranno analizzate le storie di alcuni beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata nella provincia della Spezia. Si tratta di beni mobili e immobili che, secondo gli inquirenti, sono stati accumulati illecitamente da alcuni soggetti – talvolta piccoli imprenditori, talvolta grandi affaristi – ritenuti in grado di danneggiare il tessuto sociale ed economico del territorio. Attraverso la ricostruzione di queste storie, proveremo a capire dove le organizzazioni criminali hanno investito, in quali settori e quali sono state le modalità con cui hanno impiegato capitali di provenienza illecita.
Faranno da cornice agli incontri le fotografie della mostra “Immediate Surroundings. I territori di residenza delle mafie in Italia”, dei fotografi Tommaso Bonaventura e Alessandro Imbriaco – insigniti entrambi del World Press Photo Award – e del giornalista Fabio Severo: una documentazione fotografica dei luoghi di residenza di membri di organizzazioni mafiose passate e presenti che attraverso 40 fotografie racconta una geografia eterogenea e diffusa, incrocia il passato e il presente delle gerarchie mafiose, mette di fronte a una colonizzazione non più limitata a alcune regioni, ormai distribuita su gran parte del Paese. La mostra resterà aperta fino al 2 maggio. Per informazioni: tel. 0187 772339 - spazio32@fondazionecarispezia.it - Facebook, Twitter, Instagram (@spazio32).

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Mimmo Di Carlo in scadenza di contratto, vorreste vederlo ancora sulla panchina dello Spezia?
56,3% 
43,7% 






























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure