Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 28 Settembre - ore 21.15

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Mazzone a Cds: "Nuovo Felettino? C'è una novità per generare la ripartenza" | Video

Nella diretta in videoforum a tema sanità, l'intervento del direttore amministrativo di Asl5 a proposito del futuro nosocomio. I timori del Manifesto della sanità e dell'ordine dei medici.

riguarda la trasmissione
Mazzone a Cds: "Nuovo Felettino? C'è una novità per generare la ripartenza"

La Spezia - Ospite, seppur virtuale, del videoforum sulla sanità targato Città della Spezia, Antonello Mazzone, direttore amministrativo di Asl 5 ha rivelato che a proposito del nuovo Felettino qualcosa si sta concretamente muovendo. Il dirigente dell'azienda è lapidario ma anche abbottonato quando risponde alle sollecitazioni del nostro Thomas De Luca specificatamente sull'iter tortuoso che un giorno, si spera, porterà all'edificazione del nosocomio sulle colline del levante: "C'è una novità per generare la ripartenza". Di più non dirà ma è un'ammissione interessante e soprattutto si spera rappresenti una significativa accelerata visto che, de facto, con l'uscita di scena di Pessina (ricordo permettendo), si ricomincerà tutto da capo. I timori generati da ciò che v'è scritto sul decreto Balduzzi in materia di ospedali sono quelli apertamente manifestati dal Manifesto della sanità spezzina, presieduto dall'avvocato Rino Tortorelli, anch'egli ospite del dibattito insieme al direttore amministrativo di Asl 5, Giorgio Ferrari e al presidente dell'Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri, Salvatore Barbagallo. Il timore è che l'ospedale del futuro, applicando il decreto, si veda indebolito, particolarmente nei reparti di malattie infettive e pneumologia, assolutamente decisivi nell'emergenza Covid19. Mazzone getta acqua sul fuoco: "In questa realtà il discorso è stato affrontato in via preliminare. Bisogna valutare bene le modalità con cui verrà applicato il decreto perché di sicuro non possiamo permetterci di perdere le strutture che noi abbiamo, semmai potenziarli. Bisogna valutare bene prima di chiudere un reparto, perché poi è difficile tornare indietro: bisogna tenere caro quello che si ha. La vera attrattività della sanità spezzina la vedremo quando ci sarà il nuovo Felettino che purtroppo è in ritardo e chiaramente me ne dispiaccio. Più qualità della proposta arriverà dall'azienda, più sarà attrattiva".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Video

02/07/2020 - La sanità spezzina nell'emergenza Covid-19 e oltre


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News