Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 06 Marzo - ore 09.02

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Assembramenti quasi azzerati, mezzi alleggeriti. Dieci e lode agli studenti

Suona la campanella e questa volta non è virtuale. Parlano i dirigenti scolastici: "Ragazzi attenti e rispettosi. Non abbassiamo la guardia". Consulta al lavoro, Antiga e Mantani: "Clima di forte collaborazione, apello alla massima attenzione".

un lavoro di squadra

La Spezia - Studenti promossi. Spostamenti anche, assembramenti ridotti all'osso, qualche difficoltà con la dad. Così è stata la prima giornata di lezione, in classe, per gli studenti spezzini dopo le vacanze di Natale. E così sarà a meno che non arrivino nuove disposizioni la didattica a distanza che da oggi in poi sarà un'integrazione.
Da tutti i punti di vista e a detta dei dirigenti scolastici, le regole sono state rispettate e l'alleggerimento sui mezzi pubblici oggi ha dato i suoi frutti. Se studentesse e studenti avevano già acquisito l'obbligo della mascherina e questa volta, sugli assembramenti, hanno fatto un passo in più.
Il rientro in classe si unisce ad altri eventi: oggi è l'ultimo giorno di iscrizione alle superiori per gli studenti delle medie e in molti istituti sono partiti gli scrutini. Giornata impegnativa, dunque. Città della Spezia ha raccolto le testimonianze dei dirigenti scolastici, del coordinatore e del rappresentante degli studenti all'interno Consulta provinciale: ne emerge un quadro omogeneo, positivo anche se in fase di continua evoluzione. Tutto alimentato dalla speranza che quello di oggi sia il primo risultato positivo di una lunga serie.
"E' stato emozionante vederli tornare a scuola - esordisce la dirigente del Liceo Mazzini Francesca Del Santo -. Sono state e stati bravi, puntuali, avevano tutti l'autocertificazione. L'alleggerimento sui mezzi pubblici si è rivelato una misura compatibile con le necessità della scuola, anche lo scaglionamento delle entrare ha sicuramente prodotto effetti concreti. Bisognerà concentrarsi sui momenti di grande movimento: l'entrata, l'uscita, l'ingresso alle classi. Abbiamo ricordato davvero a pochi, comunque, di stare un minimo più distanziati".
Anche per la dirigente del Cardarelli Sara Cecchini promuove la popolazione studentesca ma non abbassa la guardia: "La prima prova è andata bene, ma il fenomeno è da tenere sotto stretta osservazione. La doppia entrata fatta in base alle classi, sostanzialmente con tre orari da gestire ( si devono incastrare anche le ore in didattica a distanza, NdR) ha funzionato. Studentesse e studenti hanno bisogno della scuola, delle relazioni e il loro contributo in queste fasi di riorganizzazione è stato determinante. Il percorso che stanno facendo come Consulta è molto importante, educativo. La scuola come metodo coercitivo non va da nessuna parte, i ragazzi devono avere il loro ruolo di responsabilità: queste nuove azioni che stanno intraprendendo si basano sulla solidarietà e la responsabilità".
Dal Liceo Costa il dirigente Franco Elisei aggiunge: "I nostri ragazzi sono stati ordinati, composti. E i tutori dell'ordine che oggi monitoravano il loro ingresso mi hanno fatto i complimenti per come si sono comportati tutti. La diluizione delle entrate ha dato un buon esito e il percorso che sta portando avanti la consulta è impegnativo quanto fondamentale: lavorano sulla responsabilità, l'educazione civica. Tutte le proposte costruttive sono sempre ben accette".
L'istituto con la popolazione studentesca più alta è il Capellini Sauro e anche in questo caso, è andato tutto liscio anche se un gruppo indipendente ha cercato di . La dirigente Chiara Francesca Murgia: "La mascherina è sdoganata, non c'è stato bisogno di dire a nessuno di tirarla su. Sono stati tutti disciplinati ma era così fin dalla campanella di settembre. I ragazzi sia in entrata che in uscita sono stati capaci di sparpagliarsi a dovere nelle varie fermate. Erano presenti anche le forze dell'ordine e tutto è filato liscio".
"I ragazzi si sono sempre saputi adattare alle regole - spiega Paolo Manfredini dirigente del Fossati Da Passano e reggente dell'Einaudi Chiodo - e questa mattina abbiamo avuto l'ennesima conferma. Chiaro, i numeri per le presenze sui mezzi e dentro la scuola sono cambiati e quindi c'è meno pressione. Il monitoraggio non si ferma anche se oggi non abbiamo assistito a nulla di preoccupante. Ragazzi promossi, insomma".
"I ragazzi ora sono tornati e speriamo che venga permesso che possano restare a scuola". Commenta così la dirigente scolastica del Liceo Pacinotti Emma Lucchini: "Sono stati tutti bravi, disciplinati. Gli occhi restano puntati al futuro, nella speranza che la scuola rimanga aperta. Come dirigenti abbiamo colto i problemi che hanno gli studenti e le difficoltà della didattica a distanza. Abbiamo lavorato tantissimo sul rispetto delle norme e i frutti ci sono stati. Ora la priorità è tenerli a scuola".
Articolato, impegnativo, utile, importante. Sono questi i termini usati spesso dagli adulti, del mondo della scuola, per il lavoro che stanno portando avanti nella Consulta provinciale degli studenti. A parlarne sono il coordinatore Roberto Antiga e il rappresentante degli studenti, che siede anche al tavolo del coordinamento con le istituzioni, Samuele Mantani iscritto al Liceo Pacinotti.
"Con i rappresentanti della Consulta - spiega Antiga - ci siamo incontrati due volte e la prossima settimana avverrà un nuovo confronto. Riguardo al progetto di educazione civica (la nomina di una sorta di 'tutor' per evitare assembramenti e divulgare poche regole per il rispetto delle norme anti contagio, NdR) si sono tutti attivati per la diffusione del vademecum progettato dal Fossati Da Passano (leggi qui). Tutto sta procedendo".
Samuele racconta tutto dall'altra parte della barricata, quella degli studenti. "Il nostro progetto è animato dal concetto che gli studenti siano sensibilizzati dai comportamenti da seguire nei confronti dei propri compagni. I rappresentanti di classe, eletti dagli studenti, hanno un ruolo di coordinamento all'interno delle classi. Come consulta e rappresentanti, li abbiamo sentiti e inviato loro il materiale informativo in modo che l'informazione sia precisa e puntuale. Comunicano anche con noi informandoci se ci sono, ad esempio in tema trasporti, se ci sono delle fermate troppo affollate oppure se manca una corsa. In questo modo siamo tutti informati avendo poi l'opportunità di interloquire con il Tavolo di coordinamento provinciale per i trasporti al quale siede anche Atc".
"Io rientrerò a scuola domani - prosegue - e da quello che ho raccolto dai miei compagni la mattinata, salvo piccoli assembramenti e ritardi, la mattinata è stata tranquilla. Io rinnovo a tutti un appello: è importante rispettare le misure anticontagio. Voglio ringraziare per la collaborazione il prefetto, Atc e le autorità ma anche le scuole stesse per un rientro sicuro per tutti".
Sempre dai banchi arriva la testimonianza di Lorenzo Damiani, della 5C del Liceo scientifico Pacinotti: "Il problema non è stato arrivare a scuola o rientrare in classe. Qualche difficoltà si registra ancora con la didattica a distanza. Persistono persistono delle criticità, ci sono problemi di connessione e si vengono a creare momenti di grande dispersione, anche di venti minuti".

(foto: repertorio)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




FOTOGALLERY






















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News