Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 20 Febbraio - ore 22.42

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Tenerani: "Soddisfatti del nostro cammino, puntiamo ai Play - Off!"

L'allenatore del La Miniera si confida. "I complimenti fanno piacere, Bonelli il finalizzatore che ci mancava" "Beverino, Bolanese e Luni tra le migliori, ma prima di tutti l'Arcola" "Castelnovese ha operato bene" "Con Serafini ci completiamo"

Tenerani: "Soddisfatti del nostro cammino, puntiamo ai Play - Off!"

Castelnuovo Magra - Realtà calcistica rinata quest'estate e partita subito forte nel campionato di II Categoria della Spezia. Il La Miniera sta stupendo un po' tutti in modo positivo anche per la qualità del gioco espresso dalla formazione ora terza in classifica ad un punto dai cugini della Castelnovese. In rosa sono presenti tantissimi ex giocatori dei gialloneri e, tra questi, vi è anche l'allenatore Tenerani Simone (nella foto insieme al collega Serafini con cui dividono la panchina, ndr) che oggi è nostro ospite per una piacevole chiacchierata sulla nuova realtà calcistica di Castelnuovo Magra.

Benvenuto mister sulle pagine di Calcio Spezzino. Partirei con il chiederle come è nato quest'estate il progetto di far rivivere il La Miniera?

"Ciao Guido, a volte capita di ritrovarsi tra amici, storici personaggi che hanno nel proprio Dna da sempre un amore incondizionato per il calcio, la voglia di far tornare sul rettangolo di gioco, una società come "la Miniera ", così è stato tra G. Baruzzo, M. Musetti e R. Musetti. A me e a Serafini è stato chiesto di poter guidare questa squadra nonostante un solo anno di gavetta in panchina, ed è una cosa che ci ha fatto enormemente piacere."

Ad una giornata dal termine del girone di andata occupate la terza posizione in classifica a un punto dal secondo posto. Vi ritenete soddisfatti?

"Molto soddisfatti sia per la classifica sia per il gioco espresso, nonostante quattro o cinque punti lasciati per strada in partite dove bisognava essere più cinici."

Avete ricevuto da molti addetti ai lavori i complimenti per il gioco espresso. Cosa ne pensa e a cosa può puntare la sua squadra in questa stagione?

"Fanno sicuramente molto piacere, specie da persone che "navigano" in queste categorie da anni. Abbiamo ancora tanto da imparare, ma la volontà non manca. All'inizio di questa stagione il nostro obiettivo era quello di essere dentro la zona Play - Off. Ora possiamo dire di esserci, ma non bisogna vivere sugli allori perché molte squadre vogliono farne parte."

In rosa potete disporre di un centravanti del calibro di Bonelli. Quanto conta un attaccante del genere nell'economia di gioco della sua squadra?

"È quello che ci era mancato nello scorso campionato alla Castelnovese: un finalizzatore. Lui è uno dei migliori in circolazione, nonostante non sia più un ragazzo. Ma ha tanta voglia ancora di stupire, e si sta mettendo in gioco alla grande."

Quali sono le formazioni avversarie che l'hanno maggiormente impressionata in questa prima parte di stagione?

"Dopo un inizio anomalo posso dire che il Beverino è squadra che darà filo da torcere a molte; forza fisica e giocatori esperti per la categoria ne fanno un ottimo mix. Il Luni Calcio e la Bolanese per la rosa e l' esperienza faranno bene. Non per ultima, ma perché non ancora affrontata, la capolista Arcola Garibaldina: quadrata, cinica, organico da categoria superiore con un Moreni su tutti."

Come chiesto nelle precedenti interviste vorrei un suo pensiero su un campionato a 12 squadre di cui una Fuori classifica. E come si potrebbe ovviare a queste problematiche?

"Un campionato così ridotto è una delusione assurda perché se guardiamo nella vicina Toscana questa cosa è impensabile. Investimenti mirati e una maggiore flessibilità per le società potrebbero, in questo periodo di crisi, aiutare e promuovere nuove realtà in provincia."

In realtà alla guida della squadra siete in due, lei e Serafini. Come riuscite a conciliare questa cosa?

"Serafini e io abbiamo due caratteri opposti, ma in campo parliamo un unica lingua; ci confrontiamo, discutiamo ogni settimana, ma al venerdì sera la formazione è pronta."

Chiudiamo con una domanda sulla vostra ex squadra che al momento vi precede di un punto in classifica. Come si vive in paese la rivalità con la Castelnovese e cosa ne pensa del cammino dei gialloneri finora?

"Fino a questo momento hanno disputato un ottimo campionato, nonostante siano partiti da una rosa completamente nuova. Bravi mister e dirigenti nell'allestirla . Non sono più i derby dove noi giocatori ci si conosceva uno per uno; ma la competizione è rimasta, la voglia di prevalere aumenta la curiosità tra la gente avvicinando più spettatori al "Marchini"."

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia






















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News