Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Febbraio - ore 22.40

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Pedretti: "Otto punti di vantaggio? Abbastanza, ma il campionato è ancora lungo"

L'allenatore dell'Arcola Garibaldina dopo i successi con Rebocco e Cadimare vuole il poker. "La scorsa stagione una mazzata, campionato a 12 squadre? Ci vorrebbe più rispetto!" "Beverino, Castelnovese e Bolanese ottime impressioni. La Miniera è forte

Pedretti: "Otto punti di vantaggio? Abbastanza, ma il campionato è ancora lungo"

La Spezia - Torna lo spazio interviste di Calcio Spezzino e quest'oggi ospite nella nostra virtuale sala stampa ecco un allenatore che cerca il quarto successo nel campionato di II Categoria. Dopo i due salti di categoria con il Rebocco e quello ottenuto con il Cadimare vuole regalare la prima volta in I Categoria anche ai granata dell'Arcola Garibaldina. Lui è ovviamente l'allenatore della capolista della II Categoria spezzina Ivano Pedretti.

Benvenuto sulle pagine di Calcio Spezzino mister, partiamo con le domande. Avete chiuso alla sosta natalizia come Campioni d'Inverno con ben otto punti di vantaggio sulla prima inseguitrice, poteva andare meglio di così?

"Grazie Guido. Otto punti di vantaggio sono abbastanza, ma il campionato è ancora lungo. C'è da disputare tutto il girone di ritorno con squadre che si sono rinforzate. Di certo sono soddisfatto, non pensavo davvero di fare meglio di così. Otto vittorie e due pareggi in dieci partite sono un ottimo modo per godersi le festività natalizie."

Dopo la mancata qualificazione ai Play - Off della scorsa stagione può essere finalmente questo l'anno giusto per il salto di categoria?

"Non so se questo sarà l'anno giusto per il salto di categoria, ma sicuramente ripensando alla scorsa stagione aver dominato per 2/3 il campionato stando sempre in testa e poi aver perso addirittura i Play - Off all'ultima giornata per noi è stata una mazzata psicologica non indifferente."

Avete mantenuto l'ossatura della scorsa stagione inserendo alcuni rinforzi di valore tra cui il colpo Piro a Dicembre. Sei soddisfatto della rosa a tua disposizione?

"Abbiamo cercato di mettere insieme dei giocatori di valore per la categoria. Abbiamo cercato elementi esperti, ma che conoscevano bene il campionato che andavamo ad affrontare come ad esempio Malgarotto, appunto Piro, Otgianu, Liotti, Pistelli e sicuramente quando li avremmo tutti a disposizione, dati gli infortuni di Liotti e Pistelli, potremmo giocarcela fino in fondo. Non so se riusciremo a vincere il campionato, ma sicuramente ce la giocheremo fino in fondo!"

Dopo i successi ottenuti in questa categoria con il Rebocco, due volte, e Cadimare potresti quindi fare poker con l'Arcola Garibaldina. Che similitudini e che differenze ci sono tra la tua attuale squadra rispetto ai "Viola" e ai "Pirati" di allora?

"Al Rebocco sono stato otto anni e oltre alle due promozioni abbiamo ottenuto anche tre salvezza in I Categoria. Sono stato bene con loro come in una famiglia, le migliori amicizie le ho avute lì e continuo a conservarle tuttora. A Cadimare è stata una parentesi un po' particolare perchè arrivai come D.s. e dopo sei giornate mi sono dovuto trovare a sostituire l'allenatore a punteggio pieno e non è stato facile sia per me che per i ragazzi. Ci siamo guardati negli occhi e da quel momento è stata una cavalcata stupenda e poi vincere nel proprio paese è molto gratificante. Per ora sono l'unico che ha vinto un campionato da quando è rinato il Cadimare Calcio quindi per me è motivo d'orgoglio. Arcola è una parentesi straordinaria perchè mi trovo come in una famiglia. C'è un presidente che nel suo piccolo non ti fa mancare niente, la dirigenza è sempre presente, ho un D.s. che abbina qualità umane e humour nel parlare con i giocatori, trattare giocatori e organizzare le cose. Infine i ragazzi sono stupendi, veramente un grande gruppo sia il gruppo storico, quelli dell'anno scorso che sono venuti con me sia i nuovi acquisti di quest'anno. Insomma per me sono state tutte esperienze positive!"

Manca una giornata alla conclusione del Girone di Andata. Quali sono state le avversarie che ti hanno impressionato in maniera più positiva?

"Io pensavo che l'Intercomunale Beverino fosse già forte e con gli ultimi innesti si è ulteriormente rinforzato. Mi ha impressionato la vivacità della Castelnovese, la grinta di mister Parma coach della Bolanese e, anche se la devo ancora affrontare proprio all'ultima di andata, penso che il La Miniera sia una squadra fortissima. Andremo la per giocarcela come sempre e vedremo come si comporteranno i miei ragazzi."

Campionato ridotto ulteriormente a 12 squadre di cui una fuori classifica. Il tuo pensiero e come si potrebbe ovviare a queste problematiche?

"Sicuramente il mio pensiero su un campionato con appena 12 squadre non può essere certamente positivo, è sicuramente una mancanza di rispetto verso le squadre che partecipano e che fanno sacrifici per pagare cifre non indifferenti tra campi e iscrizione. Io penso che minimo che per ogni girone di ogni campionato dovrebbero esserci 16 squadre. Sicuramente 12 squadre sono veramente troppo poche."

La riduzione a 12 squadre ha portato anche una lunghissima sosta invernale al campionato...

"La lunghissima sosta invernale non mi sta bene, ma la capisco. Se avessimo fatto una sosta più corta si rischiava di finire il campionato già ai primi di Marzo. Ovviamente l'accettiamo, cerchiamo di tenerci in allenamento e di non mollare perchè poi se ci fermiamo adesso, noi come le altre squadre, sarà dura raggiungere gli obiettivi che ci eravamo prefissati ad inizio stagione. Ma questo è un ragionamento che vale un po' per tutte le squadre non solo per la mia."

Siamo in chiusura, vuoi aggiungere altro prima di salutarci?

"Questa domanda mi piace...voglio aggiungere che sono stra felice di lavorare con dei ragazzi veramente stupendi, un gruppo meraviglioso, compatto e unito che si allena bene e fa quello che dici la domenica. Tutto questo in totale serenità, si va a giocare sì per raggiungere l'obiettivo prefisso, ma anche per divertirsi e stare insieme come deve essere il calcio a questo livello dilettantistico. Voglio approfittare di questa tua intervista per ringraziare il presidente Fresta e tutti i miei collaboratori Vigna, Caria, Galano e il D.s. Zampolini perchè stanno facendo sacrifici e un lavoro stupendo per la nostra realtà e per la nostra categoria. Ti ringrazio per lo spazio che mi hai dato, io personalmente spero di riuscire a fare meglio dell'anno scorso perchè la società e i ragazzi se lo meritano. Sarebbe una grande soddisfazione anche per me raggiungere un obbiettivo mai raggiunto da questa società nata soltanto pochi anni fa."

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia






















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News