Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 22 Settembre - ore 16.03

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia
56,13%
38,90%
2,42%
0,89%
0,52%
0,46%
0,24%
0,18%
0,17%
0,08%
Ultimo aggiornamento: 22/09/2020 10:02:52 Sezioni 1795 di 1795

Russo: "Ripartenza? Credo potrebbe essere legittimo premiare le società in testa ai campionati"

Il dottore e vice presidente del Cadimare calcio si concede a una lunga intervista toccando varie tematiche. "Il movimento rischia la crisi, fiduciosi per il campo da calcio del Montagna" "Un grazie infinito a chi ha salvato vite umane"

Russo: "Ripartenza? Credo potrebbe essere legittimo premiare le società in testa ai campionati"

La Spezia - Con lui il calcio è tornato a Cadimare dopo oltre un ventennio di assenza, con lui inizialmente nel ruolo di presidente è rinato il Cadimare Calcio che in queste stagioni è cresciuto scalando le categorie dalla II Categoria spezzina fino al primo posto nel Girone B di Promozione della Liguria al momento dello stop dei campionati per la pandemia da Coronavirus. Oggi è nostro ospite nella virtuale sala stampa di Calcio Spezzino il vice presidente dei "Pirati" Dott. Adriano Russo con cui andremo a toccare molti temi attuali sia sulla sua società, sia sulla diffusione del Covid-19 per finire con la ripartenza del movimento calcistico dilettante.

Buongiorno Presidente. Il campionato è oramai fermo da oltre due mesi. Come state vivendo questi momento?

"Buongiorno Guido e un buongiorno a tutti i lettori di Calcio Spezzino. In questo momento di inizio "Fase 2" stiamo assistendo con fiducia a un netto miglioramento delle situazioni ospedaliere e ad un progressivo calo dei contagi il che rappresenta una bella iniezione di ottimismo per tutti."

Lei, prima da medico e poi anche da vice presidente della sua società, che ne pensa? Cosa crede sarebbe meglio fare per la salute e sicurezza di tutti?

"Dal punto di vista professionale ritengo che a differenza di tre mesi fa dove poco o quasi nulla si sapeva su questo virus la cui massiva diffusione ha determinato i disastri e le tragedie umane che sono agli occhi di tutti, da qualche tempo siamo consci di avere a disposizione diverse armi in più per combatterlo, dai farmaci quali idrossiclorochina, eparina, remdesivir antibiotici a trattamenti promettenti quale sembra essere la plasmaaferesi con siero autoimmune di pazienti guariti, fino alla realizzazione di vaccini. Tutto ciò affiancato alle misure di distanziamento sociale e soprattutto alla presa di coscienza della popolazione, sia come medico che come vicepresidente del Asd Cadimare Calcio mi fa ben sperare"

Passiamo al calcio. In Francia, Olanda e Belgio il mondo del pallone, a tutti i livelli, per questa stagione è già finito. In Inghilterra hanno sospeso tutto dal campionato che vale la nostra Eccellenza in giù. Se dovesse succedere anche Italia come dovrebbero per lei concludersi i campionati?

"Credo che potrebbe essere legittimo premiare le società in testa ai relativi campionati, mentre per le retrocessioni si dovrebbe riflettere sul da farsi. In alternativa attuare la medesima scelta dei paesi che tu hai citato."

Che soluzioni intravede per il calcio in Italia e non pensa si sia aspettato fin troppo per decidere?

"Una decisione poteva essere presa domani con il Consiglio Federale, purtroppo come sappiamo questo è stato ulteriormente posticipato a data da destinarsi. Non un bel segnale: questo tiene ancora tutti sulle spine."

Siete giunti alla sospensione del torneo da primi in classifica, ma ora cosa pensa dovrebbe decidere la federazione?

"Ritorno alla risposta precedente, ma in ogni caso ci adegueremo alle decisioni che prenderà la Federazione."

Quella che verrà sarà invece la stagione della ripartenza per il movimento. Ma come? Molte società avranno difficoltà, lei cosa si aspetta?

"Le stime parlano di un 20-30% di società sportive dilettantistiche che potrebbero sparire il che aggraverebbe pesantemente un preoccupante trend che era già in atto prima della pandemia. A causa della grave crisi economica ci saranno concrete difficoltà a reperire sponsor, pertanto molte società saranno in seria difficoltà. Mi aspetto dalla Lega sostanziali agevolazioni economiche sia per quanto concerne le iscrizioni ai campionati, il condono dei pregressi e i tesseramenti, altrimenti certe previsioni potrebbero realmente avverarsi"

Negli anni il Cadimare è cresciuto molto passando da una II Categoria ad un primo posto in Promozione. Un progetto quindi serio e ambizioso?

"Il nostro progetto è maturato e si è consolidato nel tempo grazie al fatto che abbiamo agito con prudenza e serietà senza mai fare il passo più' lungo della gamba. Ci siamo avvalsi negli anni di dirigenti e tecnici di qualità che hanno saputo creare sia in passato che a oggi una squadra competitiva con ottime sinergie di spogliatoio e così capitalizzare al meglio i nostri sforzi. Devo dire che preziosi sono stati i consigli del nostro presidente onorario Umberto Bertirotti e la disponibilità del Comando della Centro Logistico di Supporto Areale Istituto U. Maddalena di Cadimare."

Parliamo un po' di questo campionato. Spezzine in gran spolvero e tanti cambi in vetta?

"Siamo orgogliosi dei risultati che stanno ottenendo le compagini spezzine in questo momento. Proviamo a dare del filo da torcere, sportivamente parlando ovviamente, ai nostri amici del levante ligure che hanno messo in campo squadre attrezzate e agguerrite e credo che quest'anno ci siamo riusciti."

Ma è veramente così difficile fare calcio dilettantistico seriamente ai giorni nostri alla Spezia?

"Purtroppo sì, ora più che mai. Questa crisi determinerà importanti ripercussioni sul calcio dilettantistico in generale e quindi anche alla Spezia dove già fare calcio non è semplice."

Come molte altre società vi trovate anche senza un campo di proprietà...

"Dopo anni di sacrifici così come per altre società del territorio prive di campo da giuoco, siamo ora fiduciosi nel progetto in corso che riguarda la realizzazione del Centro Sportivo Calcistico Montagna attraverso i vertici della FIGC Liguria e il sindaco Peracchini del comune della Spezia, cosa che darebbe finalmente concretezza ai nostri sforzi. Spero che questo progetto, peraltro già approvato, vada a buon fine quanto prima."

La vostra è una squadra giovane con alcuni elementi d'esperienza molto validi si è creato il giusto mix? Quanto è difficile riuscire a imbastire una formazione Juniores?

"Avere una squadra Juniores sarebbe per noi il fiore all'occhiello. A dire il vero ci abbiamo già provato in passato, anche con discreti risultati, ma poi abbiamo dovuto rinunciare a causa delle spese di gestione troppo elevate e alle difficoltà di reperire una struttura per gli allenamenti dei ragazzi."

Siamo al termine di questa piacevole chiacchierata, vuole aggiungere qualcosa in chiusura?

"Sì Guido, desidero ringraziare te e la redazione di Calcio Spezzino per la cordialità e per lo spazio che mi hai concesso. Desidero esprimere il mio profondo cordoglio alle le vittime di questa sciagura e a tutte le famiglie che in questa sciagura hanno perso qualcuno dei loro cari, ma il più infinito dei grazie va a tutti coloro che hanno dato la vita per salvare vite umane, ai medici, al personale sanitario ai soccorritori in prima linea che hanno combattuto come leoni mettendo a repentaglio la loro stessa incolumità per salvare il bene più prezioso: la vita umana. Termino questa intervista con un grande auspicio di speranza per la fine di questa pandemia dove, dopo momenti terribili, abbiamo cominciato a rivedere la luce."

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News