Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 23 Settembre - ore 20.45

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Prima Toscana, Serricciolo e Don Bosco Fossone raccontano il non facile momento

Prima Toscana, Serricciolo e Don Bosco Fossone raccontano il non facile momento

Massa Carrara - Prosegue il nostro sondaggio virtuale ai massimi esponenti non che agli addetti ai lavori delle squadre dalla prima alla terza categoria appartenenti alla delegazione di Massa Carrara sul difficile e interminabile momento che sta attraversando il nostro paese.
Iniziamo con le nostre due rappresentati al girone di prima categoria quali Serricciolo e Don Bosco Fossone al momento dello stop forzato erano collocate con differenti posizioni e punteggi nella graduatoria generale. Il campionato è guidato dai lucchesi del Capezzano Pianore con 53 punti con quattro lunghezze sulla sorpresa del torneo la Meridien di Larciano e sette sui lunigianesi del Serricciolo dove nelle ultime due uscite, larga vittoria interna sull’Orentano e quella sul campo della pericolante Ponte a Moriano hanno consolidato il terzo posto ampiamente entro il girone dei playoff. Alla 24^a giornata del 1° marzo i lunigianesi tenevano più che viva la lotta per il miglior piazzamento per affrontare al meglio gli spareggi, il team di mister Paolo Bertacchini viaggiava con uno score invidiabile, terzo posto solitario con 12 successi, dieci pareggi e solo due sconfitte anche in questo contesto davanti alle due di vertice con tre stop a testa. Invece i gol segnati 43 come la Meridien e solo 16 quelli subiti che certificano fino a quel momento la miglior difesa del campionato.
Per voce del deus macchina dei “galletti” Andrea Gilli da tempo nella società Serricciolo abbozza sinteticamente quello che è stato e quello che dovrebbe essere il cammino del club:” Cosa devo dire...stavamo facendo un ottimo campionato anche se si poteva fare meglio ma diversi infortuni e squalifiche di ragazzi importanti hanno pesato non poco in alcune circostanze. C'è anche da dire che ripartire dopo il mancato ripescaggio non era facile ed in questo il mister ed i giocatori sono stati molto bravi. Nelle ultime sei giornate ancora da smarcare potevamo toglierci ancora tante soddisfazioni, con diciotto punti a disposizione e con diversi scontri diretti tra le squadre di vertice tutto poteva accadere.
Per quello che riguarda la nostra società saremo più che felici di poter finire questo campionato che sarebbe la cosa più giusta ma per ora penso le probabilità siano pochissime. Il difficile comunque sarà ripartire per una nuova stagione dove mancheranno sicuramente risorse dovute giustamente alla situazione attuale a livello nazionale e mondiale. Speriamo di poter ripartire perché non sarà solo un problema nostro ma della maggior parte delle società.”
I “cugini” del girone quali i carrarini del Don Bosco Fossone alla fatidica giornata erano terzultimi in classifica, un punto sopra il Ponte a Moriano ma a undici lunghezze dai Diavoli Neri di Gorfigliano stabili al quartultimo posto. In questo caso con i punti oltre la forbice i carrarini scenderebbero in seconda categoria in compagnia delle altre due, ma quanto pare in casa dei fossonesi non è un dramma, la società con le spalle ben coperte attende ogni decisione che verrà emanata si intende passata questa tempesta. L’energica presidentessa Marina Ceccarelli da diversi lustri al timone del club giallo-rosso-blu con una analisi concisa fotografa la stagione appena interrotta :

“La stagione della mia società è stata abbastanza travagliata ma io e il mio staff eravamo a conoscenza in quanto siamo tutti consapevoli delle scelte che abbiamo fatto, la Scuola Calcio prima dello stop andava discretamente , il settore giovanile è praticamente ripartito da zero e stavamo buttando le basi per il futuro . Per la juniores regionale a mio avviso abbiamo ottenuto meno rispetto al valore della squadra e dello staff che la segue , la Prima squadra formata da tanti giovani con un grande Capitano Gianluca Agnesini con qualità umane e sportive significative soprattutto nei momenti di difficoltà stava lottando dando il massimo. In questo momento confesso che faccio fatica a parlare di calcio , classiche e futuro in quanto personalmente ritengo che la battaglia che stiamo combattendo per la salute di tutti è in primo piano , quello che mi sento di dire è un grazie infinito a tutti i miei collaboratori e colgo l'opportunità che mi date per salutare tutte le società sportive con l'augurio di incontrarci presto magari in campo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News