Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 23 Settembre - ore 12.40

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Lettera alla Redazione: "Non accetto l'arroganza mascherata dall'autorità"

Lettera alla Redazione: `Non accetto l´arroganza mascherata dall´autorità`

La Spezia- Sono un tifoso della Bolanese che ha assistito alla gara fine al suo termine e mi sono trattenuto anche alcuni minuti fino a quando tutti i calciatori non sono rientrati negli spogliatoi. Ho fatto questa premessa perché dopo aver visto oggi le squalifiche comminate dal giudice sportivo: cinque calciatori della Bolanese squalificati per un totale di sedici giornate, chi non era al campo potrebbe pensare a risse in campo, scene da Far west, atti violenti, etc.
Invece no, niente di tutto questo. Gara combattuta ma sportiva e corretta, poche ammonizioni nel corso della partita, pubblico numeroso altrettanto corretto, non si sono udite offese, cosa abbastanza rara nelle gare di prima categoria.
Cercherò allora di spiegare ai lettori di Calcio Spezzino l’origine delle dieci giornate di squalifica.
Mancano un paio di minuti alla fine della gara e il Sig. Arbitro concede una punizione al Cadimare da ottima posizione. La punizione è inesistente a mio avviso, gli stessi tifosi del Cadimare nelle vicinanze concordano con me, i giocatori della Bolanese in campo protestano inutilmente. Punizione, tiro, Goal.

Il capitano della Bolanese (Romano) reitera le proteste e viene espulso. Apro una parentesi, nel primo tempo il capitano della Bolanese (Castruccio che poi lascerà il campo), viene ammonito per proteste, per le frase seguente (da me udita): ”Arbitro le mani guardale però!!”, dopo essere stato spinto da un avversario. Dopo un paio di minuti di recupero termina la partita e, mentre i giocatori del Cadimare giustamente festeggiano sotto la tribuna per la sofferta e forse inaspettata vittoria, il Sig. arbitro, anziché dirigersi verso il suo spogliatoio, si ferma in mezzo al campo e dà l’impressione di aspettare che qualcuno vada ad interloquire con lui. Ho subito percepito quel gesto come una piccola provocazione. A quel punto alcuni giocatori della Bolanese cadono nella malcelata provocazione, si avvicinano al Direttore di gara e continuano con le proteste verbali, qualcuno passa vicino a lui dicendo “hai rovinato la partita ti dovresti vergognare” e poi se ne va negli spogliatoi. E’ questa una frase gravemente ingiuriosa ed irriguardosa ?!? Tutti questi, in campo non si sono visti mostrare nessun cartellino rosso, ma hanno evidentemente espresso un giudizio sul suo operato , e ciò facendo hanno compiuto il reato di “Lesa Maestà” e sono finiti nel rapporto di gara che ha generato le squalifiche.
L’ammonizione nel primo tempo a Castruccio, per una normale protesta, rientra anche questa nel reato di Lesa Maestà . Come ha potuto permettersi di criticare l’operato del Sig. Arbitro, anche se capitano. Questi i fatti, a cui vorrei aggiungere qualche considerazione personale. Gli arbitri possono sbagliare come tutti e questo non è un problema. Quello che non è accettabile è l’arroganza mascherata dall’autorità del ruolo di arbitro. L’arroganza di chi, pur nella consapevolezza di aver commesso un errore che ha condizionato la gara, non accetta nessuna critica e, senza contraddittorio all’interno del suo spogliatoio, stende rapporti gara, che danno origine a decisioni del giudice sportivo, che dipingono come violenti un gruppo di calciatori che in campo, per tutta la gara, hanno sportivamente e correttamente affrontato gli avversari, scherzato con il pubblico oltre la rete, dato l’anima per tener testa ad un avversario più forte di loro e che vedono svanire il risultato non per loro demerito.
Forza ragazzi e la prossima volta cercate di essere più furbi e non cadere nelle provocazioni di chi con un cartellino colorato in tasca cerca di demolire la vostra passione per il calcio.

Forza Bolanese

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















15/11/2016 17:30:00






Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure