Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 23 Luglio - ore 16.46

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

La Corte Sportiva d'Appello restituisce tre punti al Valdivara 5 Terre

Vengono restituiti alla squadra di Fanan i tre punti della partita contro il Ventimiglia. Il sodalizio del presidente Plotegher ottiene l'omologazione del risultato della partita con il Pietra Ligure

La Corte Sportiva d'Appello restituisce tre punti al Valdivara 5 Terre

La Spezia - LA CORTE SPORTIVA D’APPELLO del Comitato Regionale Liguria della F.I.G.C., composta dai signori Avv. Aldo M. NAPPI (Presidente), dott. EUGENIO MARCENARO (Vice Presidente), rag. MARCO ROVELLA, geom. Renato FERRANDO, Avv. Alessio CHIARLA e p.i. GIOVANNI PARODI (componenti), nella riunione del 22 maggio 2018 ha deliberato:

Prot. n. 36/cs – Reclamo presentato dalla società PIETRA LIGURE 1956 avverso provvedimento emesso dal Giudice Sportivo il Comitato Regionale Liguria e pubblicato con C.U. n. 52 del 15marzo 2018, con il quale è stato rigettato il reclamo avverso la regolarità della gara disputata contro la società VALDIVARA 5 TERRE in data 25 febbraio 2018.

La società PIETRA LIGURE 1956 ha proposto reclamo avverso la regolarità della gara del Campionato Eccellenza Liguria in data 25 febbraio 2018 disputata con la società VALDIVARA 5 TERRE, deducendo la posizione irregolare di tre calciatori appartenenti a quest’ultima società.

In particolare, trattasi dei Signori:
• IROANYA CHUKWUEMEKA EMMANUEL, nato il 13 settembre 1999;
• OLONISAKIN TAIWO HAMID, nato il 25 maggio 1999;
• EJALONIBU ABIOLA BANKOLE, nato il 15 novembre 1999;

I tre calciatori sono stati tesserati dalla società VALDIVARA 5 TERRE ai sensi dell’art. 40 quater co. 3 N.O.I.F., in qualità di calciatori extracomunitari che non siano mai stati tesserati per Federazione estera.

La società PIETRA LIGURE 1956, sul punto, ha rappresentato come gli stessi avrebbero dovuto, al contrario, essere tesserati ai sensi dell’art. 40 quater co. 1 N.O.I.F., a mente del quale le società della L.N.D. possono tesserare e schierare in campo due soli calciatori extracomunitari che siano stati tesserati per società appartenenti a Federazioni estere.

La società VAL DI VARA 5 TERRE, d’altra parte, ha dedotto come i tre calciatori in argomento fossero stati regolarmente tesserati presso l’Ufficio Tesseramento Centrale della F.I.G.C., ciò per cui nessuna responsabilità avrebbe potuto essere addebitata al sodalizio reclamante.

Il Giudice Sportivo ha rigettato il reclamo a suo tempo proposto dalla società PIETRA LIGURE 1956, ritenendo di non avere elementi per poter affermare che i tre tesserati si trovassero in posizione irregolare.

Questa Corte, peraltro, ha già deciso analogo reclamo a suo tempo proposto dalla società RIVAROLESE 1919 ed ha proceduto, in detta sede, a richiedere documentazione; documenti, questi, dei quali è stata disposta l’integrale acquisizione nel presente procedimento.

E’ pacifico che i tre calciatori nigeriani siano stati tesserati dalla società VALDIVARA 5 TERRE ai sensi dell’art. 40 quater co. 3 N.O.I.F., quindi in qualità di calciatori extracomunitari che non siano mai stati tesserati per Federazione estera.

Più precisamente, in data 9 gennaio 2018, l’Ufficio Tesseramento Centrale della F.I.G.C., su richiesta del Giudice di prime cure, confermava che:
i calciatori IROANYA CHUKWUEMEKA EMMANUEL, nato il 13 settembre 1999 e OLONISAKIN TAIWO HAMID, nato il 25 maggio 1999, risultavano essere regolarmente tesserati a decorrere dal 13 novembre 2017;
il calciatore EJALONIBU ABIOLA BANKOLE, nato il 15 novembre 1999, risultava essere regolarmente tesserato a far data dal 27 novembre 2017.

In data 5 febbraio 2018, su richiesta di Questa Corte, l’Ufficio Tesseramento inviava la documentazione relativa al tesseramento dei tre giocatori in oggetto.
Dall’esame dei documenti trasmessi si poteva evincere che, in data 13 novembre 2017, l’Ufficio Tesseramento aveva comunicato il tesseramento dei calciatori IROANYA CHUKWUEMEKA EMMANUEL e OLONISAKIN TAIWO HAMID alla società VALDIVARA 5 TERRE.

Per quanto attiene il calciatore EJALONIBU ABIOLA BANKOLE, sono presenti in atti la comunicazione del tesseramento da parte dell’Ufficio Tesseramento in data 27 novembre 2017 e la dichiarazione del giocatore nella quale affermava di non essere mai stato tesserato per alcuna Federazione; non risulta alla Corte l’invio di alcuna richiesta alla Federazione Calcio Nigeriana da parte dell’Ufficio Tesseramento della F.I.G.C..

In tale situazione – con ordinanza emessa in data 20 febbraio 2018 nell’ambito di altro procedimento sopra menzionato – Questa Corte trasmetteva gli atti del fascicolo al Tribunale Federale Nazionale – Sezione Tesseramenti affinché si pronunciasse sulla regolarità o meno dei tesseramenti dei tre calciatori in questione.

Con dispositivo pubblicato in data 19 marzo 2018, il Tribunale Federale Nazionale – Sezione Tesseramenti, dichiarava “nullo il tesseramento dei calciatori IROANYA CHUKWUEMEKA EMMANUEL, nato il 13 settembre 1999, EJALONIBU ABIOLA BANKOLE, nato il 15 novembre 1999, OLONISAKIN TAIWO HAMID, nato il 25 maggio 1999, in favore della società VALDIVARA 5 TERRE”.

Avverso tale decisione, la società VALDIVARA 5 TERRE proponeva reclamo davanti alla Corte Federale d’Appello la quale – con dispositivo pubblicato nel C.U. 103 CFA del 23 aprile 2018 – annullava la predetta decisione “dichiarando validi i tesseramenti”.

Alla luce di tale pronuncia si impone, pertanto, la necessità di confermare la decisione del Primo Giudice e di omologare il risultato ottenuto sul campo.

Per i suesposti motivi, la Corte Sportiva d’Appello, definitivamente pronunciando:
rigetta il reclamo proposto dalla società PIETRA LIGURE 1956 ed omologa il risultato ottenuto sul campo.
Dispone l’incameramento della tassa, non versata ed addebitata sul conto della società PIETRA LIGURE 1956.


Prot. n. 39/cs – Reclamo presentato dalla società VALDIVARA 5 TERRE avverso provvedimento emesso dal Giudice Sportivo il Comitato Regionale Liguria e pubblicato con C.U. n. 54 del 22 marzo 2018, con il quale è stata inflitta alla reclamante la sanzione della perdita della gara dell’11 marzo 2018 disputata contro la società VENTIMIGLIACALCIO con il risultato di 0-3.

Il Giudice Sportivo ha inflitto la sanzione in epigrafe per la ritenuta posizione irregolare di tre tesserati della società VALDIVARA 5 TERRE di nazionalità nigeriana.

In particolare, trattasi dei Signori:
• IROANYA CHUKWUEMEKA EMMANUEL, nato il 13 settembre 1999;
• OLONISAKIN TAIWO HAMID, nato il 25 maggio 1999;
• EJALONIBU ABIOLA BANKOLE, nato il 15 novembre 1999;

I tre calciatori sono stati tesserati dalla società VALDIVARA 5 TERRE ai sensi dell’art. 40 quater co. 3 N.O.I.F., in qualità di calciatori extracomunitari che non siano mai stati tesserati per Federazione estera.

Il Giudice Sportivo, sul punto, ha rappresentato come gli stessi avrebbero dovuto, al contrario, essere tesserati ai sensi dell’art. 40 quater co. 1 N.O.I.F., a mente del quale le società della L.N.D. possono tesserare e schierare in campo due soli calciatori extracomunitari che siano stati tesserati per società appartenenti a Federazioni estere.

La società VALDIVARA 5 TERRE, d’altra parte, ha dedotto come i tre calciatori in argomento fossero stati regolarmente tesserati presso l’Ufficio Tesseramento Centrale della F.I.G.C., ciò per cui nessuna responsabilità avrebbe potuto essere addebitata al sodalizio reclamante.

Questa Corte, peraltro, ha già deciso analogo reclamo a suo tempo proposto dalla società RIVAROLESE 1919 ed ha proceduto, in detta sede, a richiedere documentazione; documenti, questi, dei quali è stata disposta l’integrale acquisizione nel presente procedimento.

E’ pacifico che i tre calciatori nigeriani siano stati tesserati dalla società VALDIVARA 5 TERRE ai sensi dell’art. 40 quater co. 3 N.O.I.F., quindi in qualità di calciatori extracomunitari che non siano mai stati tesserati per Federazione estera.

Più precisamente, in data 9 gennaio 2018, l’Ufficio Tesseramento Centrale della F.I.G.C., su richiesta del Giudice di prime cure, confermava che:
i calciatori IROANYA CHUKWUEMEKA EMMANUEL, nato il 13 settembre 1999 e OLONISAKIN TAIWO HAMID, nato il 25 maggio 1999, risultavano essere regolarmente tesserati a decorrere dal 13 novembre 2017;
il calciatore EJALONIBU ABIOLA BANKOLE, nato il 15 novembre 1999, risultava essere regolarmente tesserato a far data dal 27 novembre 2017.

In data 5 febbraio 2018, su richiesta di Questa Corte, l’Ufficio Tesseramento inviava la documentazione relativa al tesseramento dei tre giocatori in oggetto.

Dall’esame dei documenti trasmessi si poteva evincere che, in data 13 novembre 2017, l’Ufficio Tesseramento aveva comunicato il tesseramento dei calciatori IROANYA CHUKWUEMEKA EMMANUEL e OLONISAKIN TAIWO HAMID alla società VALDIVARA 5 TERRE.

Per quanto attiene il calciatore EJALONIBU ABIOLA BANKOLE, sono presenti in atti la comunicazione del tesseramento da parte dell’Ufficio Tesseramento in data 27 novembre 2017 e la dichiarazione del giocatore nella quale affermava di non essere mai stato tesserato per alcuna Federazione; non risulta alla Corte l’invio di alcuna richiesta alla Federazione Calcio Nigeriana da parte dell’Ufficio Tesseramento della F.I.G.C..

In tale situazione – con ordinanza emessa in data 20 febbraio 2018 nell’ambito di altro procedimento sopra menzionato – Questa Corte trasmetteva gli atti del fascicolo al Tribunale Federale Nazionale – Sezione Tesseramenti affinché si pronunciasse sulla regolarità o meno dei tesseramenti dei tre calciatori in questione.

Con dispositivo pubblicato in data 19 marzo 2018, il Tribunale Federale Nazionale – Sezione Tesseramenti, dichiarava “nullo il tesseramento dei calciatori IROANYA CHUKWUEMEKA EMMANUEL, nato il 13 settembre 1999, EJALONIBU ABIOLA BANKOLE, nato il 15 novembre 1999, OLONISAKIN TAIWO HAMID, nato il 25 maggio 1999, in favore della società VALDIVARA 5 TERRE”.

Avverso tale decisione, la società VALDIVARA 5 TERRE proponeva reclamo davanti alla Corte Federale d’Appello la quale – con dispositivo pubblicato nel C.U. 103 CFA del 23 aprile 2018 – annullava la predetta decisione “dichiarando validi i tesseramenti”.

In considerazione di tale pronuncia si impone, pertanto, la necessità di riformare la decisione del Primo Giudice e di omologare il risultato ottenuto sul campo.
Per i suesposti motivi, la Corte Sportiva d’Appello, definitivamente pronunciando:
accoglie il reclamo proposto dalla società VALDIVARA 5 TERRE e omologa il risultato ottenuto sul campo.
Dispone la restituzione della tassa, non versata ed addebitata sul conto della società VALDIVARA 5 TERRE.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia






















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News