Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 18 Novembre - ore 19.29

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Follo Calcio - Goliardicapolis, ha perso lo sport

La Goliardicapolis accede al campionato regionale ma i ragazzi di Barbieri hanno vinto lo stesso.

Follo Calcio - Goliardicapolis, ha perso lo sport

La cronaca della partita non può prescindere dalle sue surreali premesse. I motivi per cui domenica a San Desiderio (GE) si è giocata (o rigiocata) questa partita di Giovanissimi U14 sono a dir poco bizzarri e sicuramente degni di riflessione. Sarà lunga, ma vale la pena leggere tutto. Per onor di cronaca e perché lo dobbiamo ai ragazzi del Follo che si sono conquistati la qualificazione sul campo, pensiamo che condividere questo pasticcio colossale sia il minimo che si possa fare. La settimana scorsa (13/10) la stessa partita era stata disputata e pareggiata (1-1) dalle due squadre: con questo risultato ed in virtù della classifica, il Follo si era qualificato meritatamente al torneo Regionale di categoria.Tuttavia sul girone pendeva un preavviso di ricorso del Goliardicapolis per la precedente partita pareggiata col Ligorna 0-0. Nel comunicato relativo si legge tra le altre cose che il ricorso è stato inoltrato con modalità non propriamente protocollari e comunque sia già preannunciava la non omologazione del risultato. Come è possibile dare un giudizio sul risultato prima che il ricorso passi in giudicato? Prima ancora di sapere anche solo se sia pervenuto in modo corretto dato il dubbio posto anche su questo? Ancora prima di una eventuale memoria dell'altra parte in causa? Il giudizio finale sarebbe arrivato solo il 16 ottobre, quindi successivamente all'ultima partita del girone da disputarsi il 13 ottobre (tra l'altro il Follo aveva richiesto lo spostamento della gara in data successiva alla definizione del ricorso, ma tale permesso è stato negato). Già questa situazione di normale ha ben poco: due squadre a confronto il 13 ottobre per uno spareggio dentro-fuori che non potranno sapere del loro futuro a fine partita e messe nella condizione di non poter condurre la gara come normalmente si farebbe sapendo a priori di avere uno oppure due risultati utili a disposizione per portare a casa la qualificazione.
In seguito (C.U.18 del 17/10) il Giudice sportivo ha stabilito la vittoria per 3-0 a favore del Goliardicapolis perché nella partita contro il Ligorna era presente un giocatore che non aveva ancora compiuto il 12° anno di età (li compirà solo i primi di novembre). Essendo il giocatore entrato in campo al 15' del secondo tempo, il Giudice, che per inciso la partita non l'ha vista, ha ritenuto talmente influente questo cambio sul risultato da assegnare la sconfitta a tavolino e una sanzione pecuniaria ai rei di questo imperdonabile errore, il Ligorna per l'appunto. Tra l'altro il Ligorna aveva schierato altri tre 2007 nati solo qualche mese prima evidentemente per motivi di necessità.Per completezza d'informazione, lo stesso reclamo era stato presentato all'arbitro da un dirigente durante la partita Rivasamba-Follo del 10 Settembre, in quanto nella distinta del Rivasamba e in panchina era presente un giocatore di età inferiore ai 12 anni, ma in questo caso la segnalazione è stata rigettata e nessuna sanzione comminata. Il Follo in seguito, per motivi etici, non ha ritenuto opportuno presentare ulteriore ricorso in merito. Da questo comunque si evince che non è l'errore formale ad essere sanzionato come potrebbe pensarsi, ma è un Giudice, a suo insindacabile giudizio, che decreta senza aver visto la partita se un giocatore abbia influito o meno sul risultato. Parliamoci chiaro, è come dire che un Giudice toglie la multa per eccesso di velocità all’autista che supera il limite per non arrivare in ritardo al lavoro e non lo fa per chi quel limite l'ha superato per una semplice svista. Se il limite di velocità è stato superato la sanzione, la stessa identica sanzione, arriva ad entrambi. Il Ligorna da parte sua, seppur richiamato a farlo, non ha presentato alcuna obiezione o memoria (e su questo fatto soprassediamo, lasciando alla libera interpretazione dei lettori...). Tutto questo porta ad assegnare la vittoria per 3-0 a tavolino al Goliardicapolis e a rivoluzionare la classifica del campo. Ma non finisce qui. Durante la partita Goliardicapolis-Follo del 13 ottobre finita 1-1 all'arbitro si blocca l'orologio e fischia il termine dell’incontro un minuto prima del tempo regolamentare, per poi riprendere e rifischiare nuovamente la fine. Invece di concludere i pochi secondi mancanti ha preferito uscire di scena col supporto di un affranto responsabile Federale, per poi scrivere a referto che le squadre non avrebbero voluto continuare. Peccato che le squadre erano in campo che attendevano solo che l'arbitro rientrasse per finire la partita e con loro le decine di persone presenti sugli spalti. Sempre nel C.U.18 del 17/10 veniva notificata la ripetizione della gara Goliardicapolis-Follo in data da destinarsi. La comunicazione arriva Venerdì 18/10 e la partita sarebbe da disputarsi a Genova, campo del Goliardicapolis alle 15.30 di domenica 20/10 senza se e senza ma, perché il 27 il campionato deve iniziare regolarmente. Non ci si può opporre, non c'è tempo, e il Follo deve riorganizzare una lunga trasferta in tempo record per una partita che non era in programma e che di conseguenza in settimana non è stata preparata. Arriva anche l'impietoso bollettino Arpal di allerta idrogeologica sulla zona di Genova previsto per Domenica 20, arancione per la prima parte della giornata e rossa poi con il corollario della mancata autorizzazione a partecipare alla gara per alcuni ragazzi da parte dei genitori per evidenti e giustificatissime ragioni di sicurezza. In queste condizioni "ideali" per dei ragazzi di tredici anni, si è disputata la partita del 20 ottobre, finita 2-2.Questi sono i fatti. In virtù dei risultati sul campo il Follo ha strameritato la qualificazione con un percorso in crescendo e straordinario per questi ragazzi, vista la forza delle squadre avversarie. Poi c'è il resto della storia, fatta di fair play e soprattutto tanta etica sportiva e principi ispirati alla ragionevolezza.
Ora, chi ci riesce, spieghi ai ragazzi del Follo e del Goliardicapolis chi sia meritevole di qualificazione perché nessuno l'ha ancora capito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia






















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News