Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 26 Maggio - ore 18.50

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Purtroppo però questo ragazzo ha la sfortuna di avere il patentino Uefa B..

Riceviamo e pubblichiamo la lettera inviataci da Francesco Galleno, mister dell'Athletic Chiappa.

Purtroppo però questo ragazzo ha la sfortuna di avere il patentino Uefa B..

La Spezia- Buongiorno, scrivo la presente al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica e, spero, gli organi competenti, su una questione che credo meriti maggiore attenzione per non dire rispetto e soprattutto conoscenza delle realtà. Plurale.
 
Da quest’anno ho la fortuna di avere un ragazzo che mi/ci aiuta al campo, svolge le funzioni di (vice) allenatore e posso senza dubbio dire che, della sua presenza, del suo entusiasmo e della sua professionalità, ne stiamo traendo tutti quanti giovamento, io in primis.
 
Purtroppo però questo ragazzo ha la sfortuna di avere il patentino Uefa B e, da regolamento, non può sedere in panchina assieme a me durante le partite ufficiali perché, nei campionati organizzati dai comitati regionali/provinciali(dall’Eccellenza in giù), è ammesso un solo tesserato del settore tecnico in lista.
 
Mi chiedo se questa restrizione abbia un senso o una motivazione specifica mirata alla tutela della categoria ma purtroppo non riesco proprio a capire e onestamente ad accettare che, in un contesto nel quale sempre più società (soprav)vivono grazie alla ricerca di allenatori facoltosi piuttosto che preparati, nel quale viene richiesto un patentino per allenare 40enni ma chiunque può sedersi su una panchina di un settore giovanile(o juniores) provinciale, nel quale si accettano più o meno tacitamente situazioni di allenatori facenti funzione che sfruttano il patentino di prestanome(come ho fatto io in passato); ad un ragazzo che ha appena speso centinaia di euro e decine di ore per frequentare e superare il corso del settore tecnico, che ha la voglia e l’umiltà di partire dalla gavetta per fare esperienza mettendosi a disposizione GRATIS, venga impedito l’accesso a quello che dovrebbe essere IL suo posto.
 
Spero che qualcuno abbia una risposta e che esistano motivazioni così forti da convincermi che, nella casellina del “massaggiatore”, ad esempio, sia più utile/professionale inserire il nominativo di un dirigente semplice che viene al campo giusto la domenica per dare una mano, piuttosto che quello di un (altro) tecnico abilitato tesserato, che si è fatto tutti gli allenamenti e che passa le ore a casa pensando a come migliorare il lavoro quotidiano. Suo e della squadra.

Francesco Galleno

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















15/11/2016 17:30:00






Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure