Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 17 Febbraio - ore 00.03

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

A fatti estremi

Perché la Grande Bellezza ha vinto l’Oscar?

Perché la Grande Bellezza esprime al meglio l’idea che gli americani hanno dell’Italia.
Non c’è spazio per ciò che non sia american correct su quel palco; giustamente, dato che è il loro festival (che poi sia anche il più importante del mondo cinematografico è un altro paio di maniche).

La Grande Bellezza non ha vinto l’Oscar come migliore film straniero per l’impagabile interpretazione di Toni Servillo o per la regia, dal momento che buoni attori e buoni registi ci sono anche a Hollywood. Al contrario l’Academy ha premiato quel che agli USA manca: perciò sono state più fondamentali la colonna sonora e la fotografia. Perchè la Grande Bellezza è – agli occhi degli americani – l’Italia tout court. E si sa quanto laggiù si ami l’idea dell'Italia.

L’eterna Roma al massimo del suo splendore, l’Opera, il profumo del sacro; ma anche il lusso sfrenato, le strizzate d’occhio, le perversioni e gli eccessi. Terrazze con vista San Pietro e veli di suora. Dopo le tovaglie a quadretti e il mandolino questi sono i nuovi simboli dell’essere internazionalmente italiani. Complici i nostri noti rappresentanti, siamo passati dallo stereotipo del “mammone terrone” a quello del “vecchiardo furbone”.

Ben inteso, la Grande Bellezza è un film ricco, estremamente estetico e anche veritiero in alcune sue sfumature. Una perla per il bistrattato orgoglio nazionale. Tuttavia agli italiani, sotto il velo di cipria intellettuale, non è piaciuto vedersi riflessi in quello specchio distorcente. Perciò scommetto che sono più americani che italiani ad essersene innamorati: loro coccolano così il loro immaginario e noi ci vantiamo di un secondo Oscar dopo La Vita è Bella.
Era il 1999: da quella volta è cambiato anche il modo di riceverla, la statuetta. Niente salti sulle poltrone e schiamazzi per Sorrentino, regista ben più posato e american friendly di Benigni. Che per non smentire troppo la provenienza ha comunque – unico tra i vincitori – ringraziato tutta la famiglia.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
<< Elenco Post

I Vostri commenti

Piero Martini
Martedì 25 marzo 2014 alle 15:16:44
non dovremo essere molto fieri di questo oscar .Vedendo questo film mi sono sentito a disagio....
Zagor Tenay
Mercoledì 5 marzo 2014 alle 18:29:27
La Grande Ipocrisia...http://urlin.it/57a31
Roger Paperino
Mercoledì 5 marzo 2014 alle 01:39:53
Il Film ha vinto nella categoria Film straniero! ... Ha vinto semplicemente perche nelle nomination non c'erano film migliori!! ... non è neanche messo nella categoria Miglior Film dell'anno o migliore regia ecc ecc. ... figuriamoci se dovrebbe esserlo in confronto a i veri Films! ... la grande bellezza competeva contro Belgio, Danimarca, Cambogia, Palestina!! ... ha vinto ma quasi per necessità.
Antonietta Trematerra
Martedì 4 marzo 2014 alle 22:27:39
io stasera l'ho guardato un po', perche' presa dalla curiosita' di capire del perche' ha avuto un premiooscar. Mi dispiace dirlo, avro' io gusti brutti, ma a me personalmente non mi e' piaciuto.
Filippo Lubrano
Lunedì 3 marzo 2014 alle 11:33:38
http://www.wired.it/play/cinema/2014/03/03/come-ha-fatto-la-grande-bellezza-vincere/ senza nulla togliere, comunque...
Stefano Bonamini
Lunedì 3 marzo 2014 alle 11:33:17
Concordo in pieno con tutto quello che hai scritto.

Scrivi un commento



Per inviare un commento devi essere loggato.








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News